Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

A-RACCONTI del Campidano-b

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

               Su Soli e sa Sardinia –  Su Caragàntzu*

Tanti tempus fait a s'orbescidroxu de una dì de Istadi, su Soli no iat agattau accanta sa Luna, sa sposa sua stimàda. Insaras Issu postu si fiat a dha  circai in donnya logu, cun disisperu mannu e cun su coru in trumentu.

Postu si fiat a corrovai in tottu su mundu, terras, maris e montis, in donnya furrungoni, in donnya tuppa, cugutzu e cresura, a perda furriada, alluinendi, cun su luxentori de is arrayus, po fintzas su scuriu dessu sperefundu dessu mari e de is intranyas dessa terra.

Sa Luna invecis, eguèdda callenti, si fiat lassàda imbodrogai me is losingas dessu gurrei mannu de su Limpu, Jovi, trasseri, improseri e coddadori, e cuàda fiat me in cussas tuppas intipidas de Pranasu, stentàda, sa pudrèdda, cun su fancéddu, me in su druciòri dess'apprapùddu e dess'affricòxu mannu.

Su Soli, arrosciu de cumpudai in donnya sperrima dessa terra, dessu mari e dessu celu, iat detzidiu de si nci torrai a domu sua. Me in su mentris ki fiat passendi asuba dessu Mari Nostu, biu iat un'isuledda ki dhi fiat praxa meda, meda: " Ita bellixedda - si fiat fatu - jei dha ia a bolli conosci mellus"!

E callau nci fiat in cussa terra limpia e sintzilla e de accanta dhi fiat pàta ancora prus bella. Fiat abarrau ingunis tempus e tempus castiendidha cun ogus amainaus de tanti bellesa e si ndi fiat innamorau. Fintzas a candu sa tribulìa dessu disiju dhi iat postu scinitzu mannu e su coru in trumentu. Insaras dha iat preguntàda a sposa. A Issa, prena de bregunja, dhi fiant fattas is trempas arrubias ke fogu. Ma alluinàda e amainàda dessu luxentori e dessa bellesa de cussu sposu, assa pregunta no iat scipiu nai ca no! E dh'iat cuntzediu is gratzias e tottus is prendas allogadas me is intranyas suas de tanti tempus cun virtudi e coidau.

Su Soli, prenu de amori e de disiju, balla ca si dho-y fiat stentau in cussu gosu mannu, iscarescendi po fintzas sa Luna.

E-y cussa Isula ìnnida fiat bessìda sempri prus bella.

De insaras, donny'annu cussu Sposu luxenti, abarrat tempus e tempus ingunis, accanta de-y cussa Sposa bregunjosa; e dha castiat e dha stimat sempri de prus amainau dessa bellesa sua.

E de insandus, candu arribat Beranu, Cussa Terra luxenti, po ispantu mannu, me is pranus, me is serras e me is cuccurus si prenit de unu 'yaxi de frorixeddus grogus e bellus ki parrint solixeddus, poita ca assimbillant assu babbu insoru. - su caragàntzu – Peppi

* > etimologia: 

Su Caragantzu (caraganthu) il crisantemo selvatico - Etimologia della parola.

Il vocabolo deriva dal greco χαλχάνϑον (χαλχάνϑεμον) (calcàntzon – calcàltzemon) > voc. Greco – italiano  Del  Rocci. Il cui significato è il fiore del colore del rame, da χαλχός > rame. In alternativa a χρυσάνϑος o χρυσάνϑεμον = il fiore del colore dell’oro, da χρυσόϚ = oro. Il sardo caragantzu o caraganthu deriva dal greco calcàntzon. In Asia Minore esattamente nell’antica Anatolia, il crisantemo era detto non il fiore del colore dell’oro, ma il fiore del colore del rame. > calcantzon > calacantzon > caragantzo/u (vedi anche la ricostruzione della parola fatta da Prof. Giulio Paulis). 

Traduzione (letterale) in italiano

       L'isola del Sole – il crisantemo selvatico.

Tanto tempo fa, all'alba di un giorno d'estate, il Sole non trovò più,

vicino a se, la Luna, sua sposa adorata. Allora si mise a cercarla

in tutti i posti, con grande sconforto e col cuore in angoscia.

Si mise a frugare in tutto il mondo, nelle terre, nei mari e nei monti, in ogni

nascondiglio, in ogni bosco, cespuglio e siepe con accanimento, illuminando,

con la luce intensa dei suoi raggi, persino l'oscurità degli abissi

del mare e delle viscere della terra.

La Luna invece, cavallina in calore, s'era lasciata adescare dalle lusinghe

del grande re dell'Olimpo, Giove, astuto, intrigante e donnaiolo, ed era nascosta

nel folto della macchia del Parnaso, in eccitazione, la puledrina, col concubino,

nel diletto dell'amplesso e della sensualità.

Il Sole, stanco di rovistare in ogni angolo della terra, del mare e del cielo,

decise di tornarsene a casa. Ma mentre transitava sopra il mare

Mediterraneo (Mare Nostrum), scorse un' isola che lo attrasse fortemente:

" Quanto è bella - sospirò - per certo la voglio conoscere meglio"!

E scese in quella terra pura e vergine e da vicino gli apparve

ancora più bella. Rimase tanto tempo ad ammirarla con gli

occhi ammaliati da tanta bellezza e se ne innamorò. Sino a che,

turbato dal desiderio ed in preda al delirio d'amore, decise

di chiederla in sposa. A Lei, piena di trepidazione, le guance

diventarono rosse come il fuoco. Ma illuminata e stregata dallo splendore

e dal fascino di quello sposo, alla domanda non seppe dire di no! E

a Lui concesse le grazie ed i tesori ben custoditi nella sua intimità

da tantissimo tempo con verecondia e diligenza.

Il Sole, pieno d'amore e di desiderio, per certo rimase a lungo preso

da quell'estremo piacere, scordandosi persino della Luna.

E quell'Isola sino a quel momento incontaminata, divenne  sempre più bella!

Da allora, tutti gli anni, quel fulgido Sposo, rimane per diverso tempo lì,

vicino alla sua timida adorata; e la guarda e l'ama, sempre più

invaghito dalla sua bellezza.

Sin da quel tempo lontano, quando arriva la Primavera, quella splendida Terra,

quasi per miracolo, nelle valli, nelle colline, nelle montagne, si ricopre interamente

di tantissimi fiorellini gialli e belli, che sembrano piccoli soli, perchè assomigliano

al loro genitore! - su caragàntzu - ( il crisantemo selvatico ).

Peppe                                     diritti di copyright > Giuseppe Concas > nominis.net

 

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 14 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2017 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc