Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

A-RACCONTI del Campidano-q

Valutazione attuale:  / 0
Dettagli

Is Contus de tziu Loi Meloni

Is torràdas brullànas de tziu Loi Meboni. Tziu Loi Meloni, fiat un homini brullànu, teniat sa torràda sempri pronta. De jovuneddu fiat andau a iscola, ma no est ki essat imparau meda, meda e su liburu e su lapis no fiant cosa po issu. Ma jei iat imparau a liggi y a scrì, maccai essat sempri nau de essi abarràu 10 annus sempri in prima alimentari. Fiat andau a imparai un’arti cun su fradi Kikkìnu, su mest’’e linna, po no dha finì in sa mena, in galleria, o cumenti ‘e serbidori me in sa sattu. Ca, a nai sa beridadi, su babbai e sa mammai cosa insoru fiant messaius, ma su sattu ki teniant fiat troppu pagu po dus fillus, ki essant offiu pesai familia, po donai a pappai pobidda e sa codroxina de is fillus. E poisi s’arti de su mest’’e linna, fiat po sennoris, narànta in cussus tempus.  

Sa barracca po su soli.

Fia cun babbu furriendi de cassa, cade assa fini de su mes’’e friaxu (insaras sa cassa abarrat aberta finas a su 19 de mratzu), me in su sattu ‘e Serru, abini tziu Loi teniat sa bingixèdda. Fiat ora de furriai a prandi, cade a mesudì e issu do-y fiat fadendusì una barracca de canna. “Saludi tziu Loi”! Si fiat fatu babbu. “E saludi Antoninu”! Ca jei dhu conosciat, ca fiat mestu ‘e linna babbu puru. E di torrat babbu: “Ita esti fadendi, sa barracca po su soli”? “Po mimi esti – iat arrespostu tziu Loi, in pressi – su soli ki ndi ‘olit sindi fait”!

“No benit a bidda a prandi, ca esti fadendi a tradu? Iat torrau babbu. “Hellus, jei andu, no dhu bis seu setziu inoi, abettendi: ki est berus ca sa terra gìrat, candu arribu a domu ndi cabu”!

Su meloni cottu:

Issu fiat fisciu setziu me is pankittas de pedra murra in Pratza ‘e Municipio. Un’’orta cade a mesudì si fiat firmau unu strangiu e dhi iat pregontau: “ Nerat tziu, m’hanti nau ca inoi in Gonnus nci teneis  meloni bellu e cottu; mi scit nai abini dh’happ’a podi agattai”? “ Sissi su sennòri, ki fusteti torrat a passai propiu inoi cade assa una e mesu, agattat a meloni cottu, ma propiu cottu, lerat”!

Succo d’uva.

Tziu Loi fiat setziu me is pankittas de Municipiu, de fronti assu bar de Ninu Spina. Custumàda abarrai a tottu manjanu e onnya tanti imbuccàda po buffai su zikkéddu. Sa dì fiat scuru ke s’annàda mala e tristu ke santu sen’’e festa. Scinitzosu, no isciat ita ‘orta si ‘onài. E si furriàt a susu e a basciu sen’’e ibasiu. Sa beridadi esti ca dottori Garau dhi iat nau de no buffai prus su binu ca fiat portendincéddu a Campusantu. Tottu in dh’una si ndi artziat dessa pankitta e ci intrat a su de Ninu tottu imbideràu: “ O Ninu tocca donamìdha mesu litru de succo di frutta, ca dottori Garau m’hat nau ca succo di frutta jei ndi potzu buffai”! “E de cali frutta dhu bolit, o tziu Loi”?  “o Ninu – iat torrau in pressi tziu Loi - succo d’uva nera, ma bellu perou, là”!

Narat su diciu: acqua asssu marraconi e binu a su meloni.

Tziu Loi dhi faiat sa torràda: “ Acqua assu marraconi e binu a tziu Meloni”!

Sa binnenna:

Tziu Loi iat appena finiu de binnennai e nci fiat bessiu a si fai una passillàda a Pratza de Municipiu, cumenti custumàda; e fiat setziu me is pankittas de granitu, facci a facci assu bar de Ninu Spina. S'accostat unu jovuneddu ki dhu conosciat e dhi preguntat: "O tziu loi, e fustei binnennau hàdi"! "Sissi, piccioccu - dh'arrenpundit - seu jai buffendi"! "E de meda hat binnennau - dhi torrat su piccioccu"! "Ei, ei de meda - torrat tziu Loi - de duas dis cun crasi"! 

Sa carràda dessu binu.

Tziu Loi faiat sa binnenna cun su fradi, tziu Kikkinu, mest' 'e linna; biviant impari, fiant tott'a is dus bagadìus, e su binu dhu ghettànta assa propia carràda, bella e manna, de 8* màrigas e dha custumanta a preni tottu. E dha iant prena beni, beni e iant detzidiu insandus de accumenti pratzìri. Tziu Kikkinu no ndi buffàda de binu, ma sa parti sua dha bendiat. Tziu Loi iat fattu sa proposta cosa sua: "Là o Kikkinu, fadeus de aici, dessa carràda deu mi pigu sa metàdi de asutta e tui sa de pitzus, ca tanti tui dh' hois po dhu bendi"! "Eia, eia andat beni - si fiat fatu tziu Kikkinu"!

Pagu dis prima de Pasca Manna  a Tziu Kikkinu dh'iant circau su binu, ca isciant ca fiat bellu puru, eh, su binu de Sattu 'e Serru (vedi il cognome Serru) fiat nomenau. Issu bandat a cumpudai sa carràda po essi seguru e si nd'atziccat, poita ca binu no nd'iat prusu in sa carràda. "Mmhh - si fiat fatu -custa est obera de Loixèddu, su santu ki  dha criau"! Adobiat assu fradi e di preguntat: " O Loi e sa parti mia dessu binu dessa carràda"? "O Kikkinu - dhi torrat tziu Loi - deu no isciu nudda, nd'happu ghettau fetti sa metàdi mia dessa scettixèdda de asutta, dessa metàdi tua, torru a nai, no ndi sciu cosa peruna"!

N.d.R. 1 mariga = 50 litrus; 8 marigas = 400 litrus.

Peppi…crasi sindi contu un’atera!

                   > diritti di copyright - Giuseppe Concas - nominis.net <

A-RACCONTI del Campidano-r

Valutazione attuale:  / 0
Dettagli

Sidecumenti predi Castiri iat torrau brulla a tziu Loi Molas, sindigu de Gonnus.

Predi Castiri, o mellus dattori Castiri, ca fiat puru teolugu, desicumenti fiat basciu e

grussu, cun dh’una conca manna che cuarra, teniat de nomingiu, su Mammoni Castiri, e

bistiu ‘e nieddu cumenti fiat, parriat u’ mammoni de aderus. Issu perou fiat un omini

trankillu e sulenu e, po nosu picciokkeddus de s’Atzioni Cattolica, no fiat  nimancu malu

meda cument’’e predi. No crediat me is rennovamentus socialis e duncas  teniat tirria

po is cuministas.

Candu fiat bessida sa boxi ca in Russia si pappànta is pippius, issu

maccai no nci essat cretiu, perou  jei  no naràt ca  fiat faula.

Esti propiu a Loi Molas ki no podiat biri; parti ca fiat sindigu comunista de bidda, parti

ca Loi dhi faiat brullas e dh’attracullàda onnya borta ki dh’adobiàda. Jei d’arrespondiat

puru e a fueddus pagu aderetzaus. Nareus ca si ‘onanta stupp’’e fibai pari pari; tanti po

ndi sciumbullai  is Gonnesus de s’abbrebeu ki teniant.

Unu manjaneddu, dattori Castiri, bessendi ‘e domu po andai a cresia po sa miss’’e man-

janu, iat acciappau anant’’e s’enna ‘e domu unu burriccu mortu. “Lobai oh”! Si fiat

fatu. “Mi toccat a dhu fai sciri in Municipiu. E incrutziau si nci fiat a su Cumunu, ca jei fiat ingunis

accanta.

Intrendi in s’enna de Municipiu si fiat adobiau propiu cun su sindigu:

“Saludi, Loi”! “Saludi a fustei, dattori Castiri, ita novas, o eis sbagliau logu”?

“No, no, seu beniu propiu a circai a tui, po ti fai sciri ca anant’’e domu dho-y esti su

mortu”!

“Dattori Castiri - dh’iat arrespopstu tziu Loi - e beneis a dhu nai a su sindigu ca teneis su

mortu anant’’e domu? Su predi esti fustei e a fustei toccat a si ndi pigai coidau”!

“Jei tenis arrejoni, Loi, perou seu beniu a dhu nai a tui po arrespettu, ca esti mellus ki su

primu a dhu sciri siat su parenti  prus de accanta”!

Peppi

Traduzione (letterale) in italiano.

Come prete Casti rispose allo scherzo giocatogli dal sig. Molas* Salvatore,

sindaco di Gonnosfanadiga.

Prete Casti, o meglio, dottor Casti, era pure teologo, poiché era basso e grosso,

con una testa grande come uno starello, di soprannome si chiamava il Mammone**, e,

vestito di nero com’era, sembrava sul serio un Mammone. Lui però era un uomo

tranquillo e sereno e, per noi ragazzi dell’Azione Cattolica, non era neppure severo

come prete. Non credeva nei rinnovamenti sociali e pertanto aveva un certo astio

per i comunisti.

Quando si sparse la voce che in Russia si mangiavano i bambini, lui

anche se non dava credito a tali voci, non diceva però che non era vero.

E’ proprio il sig. Salvatore Molas che non sopportava; e perché era sindaco comunista

del paese, e perché gli giocava scherzi e lo scherniva ogni qualvolta lo incontrava.

Gli rispondeva comunque a tono. Diciamo che si davano filo da torcere l’un l’altro;

anche per tenere un po’ svegli i Gonnesi, solitamente imbambolati.

Un mattino, dottor Casti, uscendo da casa per andare in chiesa , per la messa del mat-

tino, trovò, proprio davanti all’uscio un asinello morto. “Ma guarda”! Fece tra se e se.

“Devo informarne subito il Municipio”! E s’incamminò  verso il Comune, che era

lì a due passi.

Proprio davanti all’ingresso del Municipio incontrò il sindaco:

“Salute a te, Salvatore”! “Salute a voi, dottor Casti, che nuove, o avete sbagliato posto”?

“No, no, sono venuto proprio a cercare te, per informarti che davanti a casa c’è

il morto”!

“Dottor Casti - rispose il sig. Salvatore - e venite a dirlo al sindaco che avete

il morto davanti a casa? Il prete siete voi e a voi tocca  di prendersene cura”!

“Hai perfettamente ragione, Salvatore, ma sono venuto a dirlo a te per rispetto,

perché è giusto che il primo a saperlo sia il parente più prossimo”!

$1·       *il vero cognome era “Demuru”. È stao il primo e l’unico sindaco comunista (del PCI) di Gonnosfanadiga. Aveva in testa un sacco di cose buone per il paese, ma molta gente, soprattutto quella di chiesa, lo ostacolò con tutte le forze. Pensò sempre ed unicamente alla gente ed al paese, tralasciando persino di pensare a se stesso. Per il lavoro dovette emigrare in Francia, con tutta la famiglia e da lì tornò povero e vecchio, ma pieno di dignità, a morire nella sua terra. Quasi tutti i figli sono rimasti là, in quella terra straniera!

$1·       **per lo più col significato di Orco.

Peppe

diritti di copyright - Giuseppe Concas - nominis.net

 

A-RIME del Campidano-a

Valutazione attuale:  / 0
Dettagli

RIME

Rime del Campidano e Dintorni.

Sa nêa de su Mundu  (triloghìa – τριλογία)

                                I°

In s’incumèntzu ‘e is tèmpus, in su tùndu

de s’Universu, spainàdas in su scùru,

stikkìdas in s’estrèmu sperefùndu

tott’is cosas fiant postas in ammestùru.

Insàndus Deus, imperadòri de su Mùndu,

bòffiu iat donai un òrdini segùru

a-y cussu tretu mannu sen’’e fùndu,

narèndi a s’ànjulu prus bellu, Lutzifùru:

“Bai, spàina luxi beni in d-onnya lògu,

alluinèndi stàmpu, tùvu e furrungòni”!

Tottu sa burrumbàlla andàda in fògu

fiat e de tottu cùssu mummullòni

ndi fiat bessìu u’ biàxi ‘e cosas bèllas:

terras, lunas e milionis ‘è istèllas!

                               II°

Tanti tèmpus appùstis cussu fògu,

stràccu ‘e furriài in su xelu infinìu,

Deus iat detzidiu de si frimai î’u’ lògu

Insàras, e de si fai ingunis su nìu.

Arròlia, arròlia e ponèndi ògu

in d-onnya tretu, insàndus iat bìu

unu pranèta meda bèllu e tògu,

in mesu ‘e su criàu su prus nodìu.

In cussu lògu bellu ke unu bìsu,

su Soberànu de su Firmamèntu,

iat criàu sa domu sua: su Paradìsu!

Ma de abarrài solu grìsu iat tèntu

E iat fàttu Adàmu insàras de unu pìsu,

e cun issu bivìat sulènu e cuntèntu!

                               III°

Tottu tenìat po ndi podi gosài

Adàmu in paradìsu, tzertamènti,

ma no agattàt cosa de pòdi fài,

po si stentai su cròpus e sa mènti.

Una cumpànja, su primu parènti

boliat, po nci podi cristionài.

Jei dh’iat cumprèndiu Deus Onnypotènti,

e iat fattu a Eva po dh’accuntentài.

Ma tra unu fuèddu e un’apprapuddàda,

ca si toccànta de bàsciu e de sùsu,

Adamu a Eva abì cos’ammancàda,

stikkìu nci dh’iat su ki portàd’ in prùsu:

e po praxèri e po amorosidàdi,

de aìci est incumentzàda s’Umanidàdi!

Peppi

Traduzione (letterale) in lingua italiana

La Nascita del Mondo (trilogia)

                               I°

All’inizio dei tempi, nella sfera

dell’Universo, disseminate nel buio,

immerse nell’estremo profondo

tutte le cose erano in  groviglio.

Allora Dio, imperatore del Mondo

volle dare un ordine perfetto

dicendo all’angelo più bello, Lucifero:

“Vai porta la luce in ogni luogo,

illuminando i posti più nascosti”!

Tutto quel amalgama andò in fuoco

E da quel immenso miscuglio

Uscì un mucchio di cose belle:

Terre, lune e milioni di stelle!

                               II°

Tanto tempo dopo quel gran fuoco,

stanco di vagare nel infinito cielo,

Dio decise di fermarsi in un posto

allora e di far lì il suo nido.

Dopo tanto vagar ben osservando

tutti i luoghi, finalmente intravide

un pianeta molto bello e grazioso,

in mezzo al creato il più gradito!

In quel posto bello come un sogno,

il Sovrano di tutta la volta celeste,

decise di creare la sua casa: il Paradiso.

Ma di rimanere solo ebbe sconforto

E fece Adamo allora da un seme;

e con lui viveva sereno e contento!

                               III°

Aveva tutto per esser felice

Adamo in Paradiso, certamente

Ma non trovava come passare il tempo,

come impegnare il corpo e la mente.

Una compagna, il primo parente

voleva, per poter chiacchierare.

Ben lo capì Dio Onnipotente

e fece Eva per accontentarlo.

Ma tra le parole e gli accarezzamenti,

ché si palpavano di su e di giù,

Adamo a Eva dove cosa mancava

infilò ciò che lui aveva in più!

E per piacere e per amorosità,

così è incominciata l’Umanità!

Peppe

A-Racconti del Campidano-s

Valutazione attuale:  / 0
Dettagli

Antioco Sitzia, Eroe del Carso

Bombòh...Valìgia

“Antioco  Cipolla”      “Eroe del Carso”

_________________________________________________________

Nel piazzale della chiesa, prima dell’uscita del Santo per la processione, sfilò, con fare da esperto, un petardo dalla grossa faretra, che portava a tracolla e reggendolo in verticale con indice e pollice della sinistra, diede fuoco con la brace del sigaro, sempre acceso, in bocca, per l’occorrenza e a fuoco dentro, per abitudine presa in guerra e: “Schhh...! E noi bambini, disposti intorno a lui, con tono sommesso: “Valigia”..! - “Boomhh”..! E noi, in contemporanea: “ Bombòh”..!

Rotò il collo bovino, da destra a sinistra e viceversa, con occhi ferini: gli era parso d’aver udito il suo soprannome. E noi lì a sorridere irriverenti.

Nell’incertezza, fissò lo sguardo truce nel vuoto mugugnando incomprensibili imprecazioni.

Un altro petardo: “Schhh”..! - “Valigia”..! - “Boomhh”..! - “Bombòh”..!

Il nostro sorriso da impertinenti lo mandò su tutte le furie ed il suo urlo da tricheco ci mise in fuga come lepri.

Dopo un po’ tornammo a lui, però con contegno più  riguardoso.

Lo chiamavamo Antioco, Cipolla di soprannome, perché così si chiamavano il padre ed il nonno, ma il loro vero cognome era Sitzia.

Nato in un tugurio di via Forraxeddu e allevato come un animale, come tale era cresciuto, apprendendo ben presto a badare da solo all’unica, necessaria esigenza e soddisfazione della sua esistenza: riempire  la pancia.

A scuola non c’era mai stato; sapeva che quella era solo per i signori, non per i poveracci e tanto meno per i pezzenti del suo rango.

Era venuto su un giovane di uno e sessantacinque di statura, con braccia e spalle possenti e collo bovino.

A queste caratteristiche da lottatore faceva riscontro un animo docile e mansueto: rispondeva alle domande con un sì o con un no; si prestava ai più umili lavori, come la pulizia delle latrine, ai più pesanti, anche per mettere in mostra i suoi muscoli; preferiva stare coi bambini, coi quali si sentiva a suo agio, nonostante il rischio della derisione.

Alla visita militare di leva lo scartarono per il giudizio di non idoneità mentale, infrangendo il sogno, per lungo tempo covato in petto, di indossare la divisa.

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, le prime feroci e sanguinose battaglie, sul fronte italiano, nel 1915, furono per lui l’evento, che segnò, almeno provvisoriamente, la fine della sue sventure: richiamato infatti alla visita militare, fu riconosciuto idoneo di prima categoria al servizio ed arruolato.

Alcuni mesi dopo, in seguito a breve addestramento, si trovò sul fronte di guerra, in prima linea.

L’inverno del “16 fu molto rigido, ma lui sembrava abituato anche al freddo dell’Altipiano. Il rancio era insoddisfacente, ma finiva di riempire la pancia con gli avanzi dei commilitoni schizzinosi. Imparò ben presto anche a bere il Grappa ed a scolarsi il quartino del compagno astemio. Fumò il primo sigaro ed imparò a tenerlo acceso “a fuoco dentro”. Ebbe anche gli scarponi, per la prima volta in vita sua, e li tenne con grande cura. Per naturale docilità si affezionò ai compagni, che spesso lo deridevano per l’ingenuità, ma  non se ne accorse mai!

Anche per lui arrivò il giorno del primo assalto. Lo videro saltare i fossi, superare le balze ed i cespugli, con la sua andatura da scimmione, in mezzo alla mischia: fucile 91 in braccio, baionetta inastata, nella furia dell’assalto:

“A Savoia, a Savoia! - e lui - Aiohh, a boccì brebeis”! (“aiohh, ad ammazzare le pecore”!

Pareva più un cinghiale ferito contro la muta dei cani, che un essere umano con la divisa di soldato.

Nelle cose della vita imparava sempre tardi, lì dopo il primo assalto era già un veterano.

I compagni finirono di schernire quel giovanotto dalle spalle possenti, il collo bovino e l’andatura da scimmione, anzi evidenziarono spesso il desiderio di stare vicini a lui durante il rancio.

Ai successivi assalti era sempre lì, tra i primi: 91 in braccio, baionetta inastata: “Aiohh, a boccì brebeis”!

Quel sardaccio era una furia scatenata ed i superiori lo additavano come esempio.

Prima dell’assalto non mostrava segni di umano smarrimento come gli altri, appariva invece trepidante per l’attesa: “Aiohh, a boccì brebeis”!

Era ammirato e si sentiva felice; lo chiamavano eroe ed i suoi occhi brillavano di gioia, anche se non capiva che cosa veramente significasse, quella parola, ma percepiva che era qualcosa di grande e d’importante: “Aiohh, a boccì brebeis”! La sua baionetta pungeva come i tanti pungiglioni di uno sciame di gigantesche api.

Durante le tantissime sortite, fu ferito ben quattro volte, la quarta in modo grave: il proiettile di un fucile asburgico passò da parte a parte il suo costato sinistro. Fu soccorso e riportato al campo; la ferita era seria, ma i danni causati non erano irrimediabili, non per lui almeno.

Giacque per diverso tempo in un lettino dell’ospedale militare di Mestre. L’infermità del corpo non gli impediva tuttavia di essere con la mente in prima linea, all’assalto, con i compagni di quella avventura, terribile per tutti, ma non per lui: “Aiohh, a boccì brebeis ”! Ed i compagni lanciati all’assalto sentivano la presenza virtuale di quel sardaccio, dall’andatura di scimmione, spalle possenti e collo da bue: “Aiohh, a boccì brebeis”!

E venne il giorno dell’ultimo assalto, più feroce e disumano del solito e quei coraggiosi della Brigata Sassari misero in evidenza la generosità e lo spirito patriottico del Popolo Sardo: “A Savoia, a Savoia; aiohh, a boccì brebeis”! Gli Austriaci non resistettero a tanta tenacia e spirito combattivo.

Pur proposto per la medaglia, a prova di tanta abnegazione, Antioco non ricevette alcuna decorazione e noi ancora oggi ci chiediamo che cosa possa essere successo, ma da parole che lui andava spesso mugugnando e che riecheggiavano i giorni della guerra e gli assalti esasperati e le urla dei feriti e dei morenti ed il fragore della battaglia, trasparivano i fatti di un episodio che nella sua mente rimaneva ingarbugliato e vago: un punto di domanda, che sarebbe stata per sempre senza risposta. –“Durante il rientro al campo da una furiosa battaglia nel tardo autunno del 1917, Antioco, per sua disavventura, trovò, nei pressi di un anfratto, il corpo riverso di un giovanissimo tenente austriaco, ormai cadavere per un evidente  squarcio rossastro in pieno petto. Avendone ammirato i lineamenti, il pallido volto marcato da due bellissimi occhi celesti, sbarrati, che  cercò inutilmente di chiudere, la divisa perfetta, elegantissima, la sciabola lucente, dal manico argenteo, che non prese per  rispetto; il suo sguardo fu attirato dagli stivali, perfetti, lucidissimi come mai ne aveva visti. Avvicinato il suo scarpone infangato, constatò con gioia che la taglia era la stessa, giusta, giusta. Li desiderò e tentò di sfilarglieli; tanto a lui non sarebbero più serviti. Ma le gambe erano ormai irrigidite e non uscivano, nonostante i diversi tentativi. Prese con decisione il coltello e le recise all’altezza del ginocchio. Durante la macabra operazione ebbe qualche scrupolo ma, non notando segni di sofferenza da parte del morto, continuò! Infilò poi nello zaino gli stivali con le gambe dentro e dopo uno sguardo quasi di scusa a quel pallido, bellissimo volto, riprese la corsa verso il campo. Né allora, né mai avrebbe potuto percepire d’aver fatto qualcosa d’inconsulto.

Il suo gesto non fu condiviso da un capitano piemontese, che per quello, per lui, orrendo scempio, minacciò di portarlo davanti alla corte marziale.

Per sua fortuna la presenza del suo  tenente sardo, che di lui sapeva tante cose*…, servì a scongiurare il peggio: “Mannaggia Antioco, mannaggia, che mi  hai combinato”? Gli andava ripetendo. “No, no! Signor tenente, non era  mannaccia,** era giusta, giusta per il mio piede”!

Nel 1919, il rientro a casa per i sopravvissuti fu motivo di indescrivibile gioia; per lui fu il ritorno allo stato animalesco, nel quale era nato e cresciuto: quel sardaccio, dalle spalle possenti , collo bovino e andatura da scimmione, era tornato a pulire latrine!

-- I rintocchi delle campane annunciarono l’uscita del Santo dalla chiesa e l’inizio della processione e noi ragazzi dell’Azione Cattolica, in doppia fila davanti al Santo, con Antioco che ci precedeva di alcuni metri... un altro petardo: “Schhh..! - “Valigia”..! - “Boomh”..! - “Bombòh”..! Al rimbombo dei petardi negli occhi lucenti del sardaccio si snodava una magica moviola di soldati lanciati all’assalto, tra le balze , i cespugli e le forre del Carso, 91 in braccio, baionetta inastata: “A Savoia, a Savoia”! - “Aiohh, a boccì brebeis”..!

 

* ( Sitzia Antioco, di Peppino e di Concas Giuliana, nato a

Gonnosfanadiga il 5 novembre del 1893).

> Alla visita militare di leva fu giudicato non idoneo per deficienza

mentale. Già riformato, fu rivisitato nel 1915, giudicato idoneo di

prima categoria ed arruolato col n° 39603 di matricola. Nel

novembre dello stesso anno si trovava già in territorio di guerra.

Quando morì, nel 1967, godeva unicamente della pensione sociale <.

** significa di taglia superiore.

                                  Giuseppe Concas > diritti di copyright > www.nominis.net

A-RIME del Campidano-b

Valutazione attuale:  / 0
Dettagli

Rime del campidano

Su Carru de Nannài

- Candu fia pippièddu e tronàda e lampàda, de

cantu timìa, currìa a mi cuài in cou ‘e mammài!

E issa, castiendi su xelu, a manu artziàda, naràda:

“ O su Carru ‘e Nannai, abarratì firmu,

 ca ndi fais atziccài su pippìu miu! -

- Su xelu si mùrrat

Sa terra s’iscùrat

De trònus e làmpus

S’intrullat su tèmpus.

- A susu tzaccàrrat

A basciu arretrònat,

Si serrant is mantus

E movint is bentus.

- U’ prantu innotzènti

Fait currit sa genti:

“No timas pitzìnu,

C’arrìbat mammài:

- “Abarratì firmu,

Su Carru ‘e Nannai”!

Peppi

Traduzione (letterale) in italiano.

Il (Carro di Nonno)Temporale

- Quando ero bimbo e tuonava e lampeggiava,

per la paura, correvo a nascondermi nel grembo di mamma!

Lei, guardando il cielo, a mano alzata, esclamava:

“O (Carro di Nonno)Temporale stati fermo,

ché spaventi il mio bambino”! -

Il cielo s’imbruna

La terra s’oscura

Di tuoni e di lampi

Il tempo s’intride.   

Di su risuona

Di sotto rimbomba

Si chiudono i nembi

Si alzano i venti.

Un pianto innocente

Fa correr la gente:

“Non temere piccino,

Ché arriva la mamma.

E tu stati fermo,

O (Carro di Nonno)Temporale”!

Peppe

Sottocategorie

  • Ac

    Sottocategoria Lettera A

  • Af

    Sottocategoria Lettera A

  • Ai

    Sottocategoria Lettera A

  • An

    Sottocategoria Lettera A

  • Aq

    Sottocategoria Lettera A

  • At

    Sottocategoria Lettera A

  • Az

    Sottocategoria Lettera A

   
Copyright © 2017 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc