Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

ZZBriglie Sciolte

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Dettagli

A Briglie Sciolte > Burrumballa, Matzamurru, Contus, Battorinas e Rimas > Pagu Aderetzàdas; sentza de funis; sentza de mulonis; sentza de làccanas.

Acciùngi assu Carrucciu!!!  >  Aggiungi al carrello!

Is fueddus malus in sardu...

 

Quando ci fanno un torto, di qualsiasi genere esso sia e che noi non accettiamo minimamente, rispondiamo senza ritegno alcuno, dimentichi dell’umiltà cristiana, di qualsiasi forma di galateo, infuriati come tori, con la grinta e la velocità del gatto selvatico: “Arrori mannu ti scallit su cerbéddu”! ( = un colpo apoplettico ti possa spappolare il cervello).”Gutta manna ti calit”! (= ti possa venire un grosso malanno > un ictus). “Sa justitzia ti currat”! ( = la giustizia, intesa come carabinieri o polizia ti ricerchi): “Sa justitzia ti pregonit”! ( = la giustizia ti mandi un avviso di garanzia). “Anca ti calit gutta de non accudi de fai is peis”! (= che ti venga un malanno fulminante). “Una spistiddàda de gutta, olìasta”! ( = ti possa venire un ictus letale). “Unu cranciu de cuaddu ti scalit su pistiddu”! ( = una scalciata di cavallo ti possa fracassare il cranio). “Unu lampu chi ti scroxit”! (= un fulmine ti possa scorticare vivo). “Unu lampu chi ti scalit”! (= un fulmine ti possa squagliare). “Chi ti bengat su cancuru”! ( = che tu possa avere il cancro). “Sa rosa ti essat cun su cristallu mascu”! (= che ti possa venire il morbillo col cristallino nero = il vaiolo). “S’ollu santu a furconi ti pongiant”! (= che ti possano mettere l’olio santo – estrema unzione – col forcone – una lunga pertica -  > come facevano con gli appestati). “ Cidriu abarrist che su piccu de Mobetza”! ( = che tu possa irrigidirti come un lastrone di granito). “Su puntori ti sciorkit”! ( = ti possa venire un male tremendo). “Sa matza ti ndi essat”! (= che tisi squarcino le budella). “ Sa matza ti ndi oghint”! (= che tu possa essere sbudellato). “Bai in ora mala”! (= vai in malora). “S’andada dessu fumu fatzast”! (= che tu possa andare via come il fumo). “ S’andada dess’anguiddaiu de Moguru fatzast”! (che tu possa venire travolto dall’onda di un torrente in piena > come era successo ad un pescatore di anguille nel Rio Malu di Mogoro, e non trovarono neppure il cadavere). “A presoni bandist”! ( = che tu possa finire in galera!). “Accarraxàu e prenu de merda siast”! (= che tu possa essere sepolto nella merda). “ Su tzugu trunkist”! ( = che tu possa spezzarti il collo). “ Anca ti ndi seghint sa mola dessu tzugu, a rasenti de coddus, a serroni ingudru e arruinau”! (= che ti possano decollare, con un segaccio non affilato e arrugginito). “Scuartaraù siast”! (= che tu possa essere squarciato vivo). “ Is figaus ti ndi sartint”! (= che ti possa scoppiare il fegato). “Tu tiaulu ki ti nd’hat bittìu”! (= Quel diavolo che ti ha portato). “Su Buginu ti currat; su Buginu ti ‘occiat; su Buginu ti nd’arregolat”! ( = che il boia ti rincorra; che il boia ti ammazzi; che il boia ti prenda con se > vedi nel sito nominis.net A-Almanacco-maggio > il Bogino). “ Famini tengast ke is fillus de Conca ‘e Peddi, ca si iant pappau su corpettu dessu babbu”! (= che tu possa avere fame quanto i figli di Conca de Peddi, che per la fame mangiarono il corpetto del loro genitore). Quando uno ride a sproposito: “ Is barras ti ndi sartint”! ( = che tu possa avere le mascelle squarciate). “ S’arrisu dessa arenàda”! (= che tu possa ridere come una melagrana aperta > che non si chiude più). “S’arrisu de is crabittus de Pasca ti bengat”! (= Il belare dei  capretti a Pasqua, quando li portano al macello più che un lamento sembra un riso). “S’arrisu de is carrus furriaus ti pighit”! (= mia madre pronunciava questa frase quando uno rideva a sproposito: non ne conosco alla perfezione il significato, ma non doveva essere niente di buono!) “S’arrisu de tzia Anna Coccu ti pighit”! (= pare che per il tanto ridere le fossero saltati gli occhi dalle orbite”!).

 

INSULTI:

 

“ Su cunnu de mamma tua; sa bagassa de mamma tua; su cunnu dessa bagassa de ki ti nd’hadi scavulau; su cunnu de ki t’hat nasciu; carvandi in sa merda e torranci in su cunnu; su cunnu de mamma tua, bagassa, troia, burda e impestàda e minca de cuaddu ti sperrit is nadias e  minca de molenti ti scallit sa brenti!

 

Bastat de aici, de chi no, chi sigu in custa tiritera m’arribanta is carabineris a domu!!! ( = Qui terminiamo, perché il linguaggio, già di per se oltremodo scurrile, potrebbe ulteriormente peggiorare!

 

Reminescenze del Liceo:

Sergius Lucius Catilina pulivit culum cum carta velina; carta velina "se bucavit", "ditus" in culum penetravit!!!

 

Torràda...> Trallaleru/a

Mi praxit Peppineddu

su fillu 'e tzia Rosanna

maccai siat bascitteddu

jei tenit sienda manna!

                                       Questione di gusti!

II°                            De gustibus non disputandum est

Mi praxit Antonìccu

su flillu 'e Tzia Peppanna

maccai no siat arrìccu

jei portat minca manna!

Torràda... 

Ses trottu e tzumburùdu

e ses de mala tràssa

ca babbu tu est corrùdu

e mamma tua bagàssa!

Torràda... Trallalera...

Acciùngi assu carrucciu...

De Gonnus s'olìa

ingrussat sa lilìa,

De Crabas su mugheddu

arzillat su conkeddu!

Torràda...Tralallera...Ih! a piccinnu mi torri! Ih!

Su babbalotti:

A mesur''e su stampu

c' intrat su babbalotti,

adedì in su campu,

in su lettu adenotti!

Torrada...tralallera..

 Atrus Tempus > Altri Tempi:

Il Negus ha proposto

che l'Italia sia sua

Iil Duce gli ha risposto:

"Su cunnu 'e mamma tua"!

Faccetta nera dell'Abissinia

aspetta e spera che la notte sia vicina!!!

Giovinezza, giovinezza (cumenti dha cantàda nonnu Loi):

Giovinezza, giovinezza

seu scrutzu e si bì sa petza,

sentz''e pani, sentz''e petza

sentz''e binu a cenai,

giovinezza fida 'e cani!

Torràda...

S'accabamentu de sa coya... (segue a A-ADBattorinas de Beranu: cantu de amori >   "sa pregunta" )

Su babbai...(sa filla)

Aspetta filla mia,

arrégua su tesoru

ki fait annàda de oru,

ti coyas in arrodìa!

Torràda...

Sa filla:

Babbu miu 'e su coru

portu in conca sciminju,

custu bellu tesoru

mi pigat a papinju!

Torràda...

Su babbai:

Filla mia Maria

ses tottu innamuràda

ki annàda fait nodìa

ti bolu bì coyàda!

Torràda...

Sa filla:

O babbu bellu babbu

seu tottu in abbruxòri

speraus ki a s'accàbu

jei fatzat bellu lòri!

Torràda...

Sa filla in su "comudu":

Fiskia pilittu miu

imoi ca dhu podis fai,

ki fait lori nodìu

ti passat su fiskiai!!!

Torràda...

Ascurtai custa, mid''hat contàda Carlu P.

Una picciocca de Campidanu arrìbat a Parigi, unu viaggiu disigiau de tanti tempus; lassat s'albergu e si ponit a passilai, po conosci mellus cussa "metropoli" e is bellesas cosa sua. Sa Cattedrali de Notre Dame, s'Arcu de Trionfu, is Champes Elysées, su Museu de Louvre e fintzalmenti assu scurigadròxu arribat assa Turri Eiffel: ita bella, tottu illuminada!

Tottu cuntenta detzidit de torrai ass'albergu e si ponit a coitai ca est jai notti. Tottu in dh' una, cumenti girat in sa contonàda de unu palazzu, in su scuru, duas manus mannas mannas dh'afferrant e dha ponint a terra sterria, facci a susu: no si ndi podit scabulli; itzerriat forti forti ma nemus dha intendit e dhi faint una cosa leggia, leggia, scedàda. Su ki dh'hat fattu cussu mali attuat su strexu e si fuit, lassendidha ingunis, prangi, prangi, miserina e trista. Tzoppi tzoppi e scianca scianca, nc'arribat a una caserma de polizia, ancora prangendi. Is poliziottus (gendarmi) si ndi pigant illuegus coidàu domandendidhi ita dhi fiat sutzediu e issa dis contat su fattu intzùnkia, intzùnkia. U' poliziottu francesu, menu mali ca cumprendit su sadru, dhi preguntat ki hat connòtu su ki dh'hat violentàda malamenti, ma issa narat ca no! Insaras su poliziottu dhi preguntat ita lingua fueddàt cussu delinquenti arrebugìu e cumentzat: " Neramìdha signorina, cussu mascaltzoni fueddàt sa lingua francesa? "No, no, no dhu scìu"!  Insaras fueddàt lingua inglesa? "No, no, no dhu scìu"! "Fueddàt fortzis lingua spagnola? "No, no , no dhu scìu"! "Russa? "No, no, no dhu scìu"! " Fortzis americana? "No, no , no dhu scìu"! "Fiamminga? "Eia, eia fia minca, fia minca e manna, manna puru"!!!  

Ascurta cust'atera, sempri contàda de Carlu P.

Assa bidda de Ovodda arribat, cun s'automobili cosa sua, unu giornalista dessu Corriere della Sera. Issu bolit isciri cumenti esti fatta sa genti de cussa bidda, ca in Continenti ndi nànta de onnya cabori e de onnya trassa. Arrìbat in sa pratza dessu municipiu, abini dho-y funti is pankittas po si sei. Dho.y hat pagu genti e appubat unu setziu, liggendi su jornali, ah, propriu su Corriere! E dhi preguntat: " Scusi signor mio, lei è di Ovodda? "Sì, Sono di Ovòdda e mi chiamano P. Podda, di Ovòdda,  e lei scusi chini  è? "Io sono un giornalista proprio del giornale che sta leggendo! Senta signor Pòdda, in Continente raccontano tante cose di voi, belle e brutte, ma io sono venuto qui per saperne di più, per conoscere meglio questo paese, che ormai sta diventando tanto famoso. Lei è da tanto che abita a Ovodda? "Dal giorno in cui sono nato signor giornalista"! " Ah, bene, bene e allora, se è di suo gradimento, se la sente di raccontarmi una storia recente, magari che veda coinvolto anche lei?

"E va bene, signor giornalista, le racconto una storia prprio recente, nella quale, alla fine, sono stato protagonista, anche io, mio malgrado"!

E l'uomo racconta tre storie di caccia, con lui partecipe e infine protagonista.

"Tre domeniche fa eravamo, con tutta la squadra di caccia grossa a fare la battuta al cinghiale. Era appena finita la battuta e arriva un pastore del luogo, e ci ha detto: "Ho smarrito una pècora, aiutatemi a ritrovarla"! Ci siamo organizzati, abbiamo perlustrato bene bene  la zona ed infine abbiamo ritrovato la pècora. Abbiamo fatto grande festa, abbiamo mangiato e bevuto a volontà e poi "ci siamo fatti" la pècora, tutti quanti!

"Ah ribatte il giornalista, ne ricorda anche un'altra di storia"' "Sì, gliela racconto -

"Due domeniche fa eravamo, con tutta la squadra di caccia grossa, a fare la battuta al cinghiale. Abbiamo appena finito la battuta e arriva di nuovo il pastore di prima e ci dice: "Ho smarrito l'asinello, aiutatemi a trovarlo"! Ci siamo di nuovo organizzati, abbiamo scrucculàto tutta la zona e alla fine abbiamo ritrovato l'asinello smarrito. Abbiamo mangiato e bevuto tantissimo e alla fine "ci siamo fatti" l'asinello, tutti quanti!

"Ah insiste il giornalista, me ne racconta un'altra ancora"? Eva bene ribatte l'abitante di Ovodda, ma questa è l'ultima, eh"!

"Domenica scorsa, cioè proprio ieri, eravamo con tutta la squadra di caccia grossa a fare la battuta al cinghiale. E' finita la battuta, ma io mi sono smarrito nel bosco fitto, fitto, non riuscivo più a trovare l'orientamento e già si faceva tardi. Se ne è accorto il capo caccia ed hanno organizzato tutti insieme di nuovo la battuta per ritrovarmi. Alla fine mi hanno trovato, con grande allegria di tutti: hanno mangiato, hanno bevuto tanto e poi!!!!!

"Oh, mi rincresce tanto signor Podda, mi rincresce"!! "Anche a me, signor giornalista mi "incresce" ancora e tanto tanto"!!!  (fine)

 

“Is callonis de Binda”- Aneddoto > storia vera mista a leggenda!

A l Tecnico di Guspini, dove ho insegnato per ben 28 anni, una mattina, si era nel periodo del Giro d’Italia, una studentessa di quinto anno, davanti a tutto il resto della classe, mi pose la domanda: ” Prof. Che cosa significa l’espressione “eh, is callonis de Binda? – l’ho sentita da mio padre proprio ieri pomeriggio, stava parlando con un suo amico”. Ho risposto:

“Quando ci vogliono  propinare qualcosa di difficile da “digerire” o di  veramente formidabile, usiamo rispondere in lingua sarda con l’espressione: “Eh, is callonis de Binda”! Ho continuato:

“ Alfredo Binda  è stato nei primi decenni del ‘900 uno dei più grandi ciclisti d’Italia e del Mondo. Nato, vissuto e morto a Cittiglio, provincia di Varese (1902/1986), dal ’22 al “36, con la sua bici conquistò tutto quello che si poteva conquistare, tra cui 5 Giri d’Italia e 3 Campionati del Mondo ( vedete nel Web per saperne di più).

Nessuno riusciva mai a capire da dove cavasse tanta energia, quando era in bici e soprattutto nelle salite più pesanti staccava di gran lunga il resto della carovana. Ma poi si scoprì (si fa per dire) il segreto della sua incredibile forza. Quando era stanco di pedalare con le sue formidabili gambe continuava a pedalare con le sue altrettanto formidabili “palle”. Del resto non c’erano regole che glielo impedivano. Pertanto nessuno mai riusciva a batterlo. Non lasciava spazio alcuno ai suoi giovani antagonisti. Per questo fatto le Organizzazioni Sportive del ciclismo lo pagarono perché non partecipasse al Giro d’Italia del “35.

Gli abitanti di Cittiglio (potete verificare) conoscono benissimo questa "storia", che si tramanda nel tempo!

N.d.R. senza niente togliere alla grandezza del formidabile e ormai leggendario Alfredo Binda.

Peppe

 

Adesso tocca a voi raccontarne altre! Su via, non esitate. Se volete che sia messo il vostro nome o solo le iniziali mi fa piacere, o altrimenti fa lo stesso! mandate una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  .

                                                                                                    diritti di copyright  Giuseppe Concas  www.nominis.net

 

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 53 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2018 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc