Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Maccis; Macis

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Dettagli

MACCIS; MACIS:

il primo è presente in 14 Comuni italiani, di cui 8 in Sardegna: Pabillonis 6, Olbia 3, etc.

Il secondo è presente in 122 Comuni d’Italia, di cui 63in Sardegna: Cagliari 181, Samugheo 62, Quartu 40, etc.

Non sappiamo con certezza che cosa significhi il termine ma©cis, né da dove derivi. In lingua sarda esiste il vocabolo mačča per manča, nel significato di macchia, dallo spagnolo manchar = macchiare; lo stesso vocabolo sardo sa mačča, e la sua variante sa manča  significa anche mantice del fabbro.

I due cognomi potrebbero trarre origine anche dal nome latino Maccio > Tito Maccio Plauto, commediografo latino > Titus Macc(i)us Plautus: qui Ma(c)cius potrebbe derivare dall’aggettivo latino maccus = maschera della commedia osca atellana o anche pazzerello.

Macis, sinonimo di macer, sempre in latino, è aggettivo che indica magrezza, fragilità > macilentus;  o dal sostantivo tardo latino macis (la noce moscata).

Nella possibile scelta noi propendiamo per macis = magro, fragile, delicato.

Troviamo il cognome nelle carte medioevali della storia e della lingua della Sardegna. Tra i firmatari della Petizione di Pace di Eleonora d’Arborea, LPDE, del 1388 è nominato Macis Michele, ville de Paingionis: Pavigioni > Pabillonis.  Contrate Montis Regalis (vedi app. I^6).

Anche nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo rimane traccia del cognome. Al capitolo 87 è nominato Gunnari Macis, servo di Santa Maria (in una donazione al monastero): > In nomine Domini Amen. In gratia de Deus et dessu donnu meu iudice Petru d’Arbaree (si tratta di Pietro I° Lacon – Serra, figlio di Barisone; prese il giudicato alla morte del padre nel 1185 e lo tenne sino al 1195). Ego Goantine Spanu fazo recordatione, asolbendomi su donnu meu iudice d’Arbaree pro homines (servi) ki ‘lli (illi) do ad Sancta Maria de Bonarcadu pro s’anima mea et de muiere mea donna Susanna de Lacon, fiia de iudice d’Arbaree. Dolli (dono) tres pedes (tre quarti del servizio) de Barusone Puliga fiiu de Troodori Puliga et Gunnari Macis intreu (per l’intero servizio) et assu fiiu et Troodori Galare. Seguono i testimon ; etc. Al capitolo 167, sempre del CSMB, è nominata una intera famiglia di Macis > Mazis, in una spartizione di servi: (Ego priore Iohanni de Sancta Maria) Partivi cum donnu Troodori Coco arkipiscopu (de Sancta Maria d’Aristanis). a) > Coiuvedi (ho unito in matrimonio) Goantine Anione serbu de Sancya Maria de Bonarcadu cun Furada Cambuli, ankilla de Sancta Maria d’Aristanis. Fegerunt IIII fiios. Sancta Maria d’Aristanis levedi ad Samaridanu et a Iorgi et Sancta Maria de Bonarcadu levedi a Ianni et ad Iohanne ; b) > Terico Mazis (Macis) serbu de Sancta Maria de Bonarcadu coiuvedi cum Maria Murra (Murru) ankilla de Sancta Maria d’Aristanes (sic). Fegerunt III fiios: Iorgia et Bera et Pedru, etc. etc. c) > sa fiia de Terico Macis (fecit III fiios) Elene et ad Caderina et a Furadu, etc. e) > fiios de Terico Macis serbu de Sancta Maria, et de Maria Murra, etc. 

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

 

 

 

 

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2022 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc