Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Malica; Malicca; Mallicca; Mollica

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

MALICA; MALLICA; MOLLICA:

(di Ettore Rossoni): " Il primo è specifico della zona di Santu Lussurgiu (OR) e Bonarcardo; Mallica è tipico di Gonnosfanadiga (CA), dovrebbero derivare da modificazioni del vocabolo sardo mala (cattiva) e starebbe ad indicare caratteristiche comportamentali non proprio edificanti della capostipite, non molto probabile l'ipotesi che questi cognomi siano da collegare con il nome arabo Malech".

MALICA; MALLICA; MOLLICA: il primo è presente in 23 Comuni italiani, di cui 5 in Sardegna: Santu Lussurgiu 49, Bonarcado 16, etc.

Il secondo lo troviamo in 35 Comuni d’Italia, di cui 19 in Sardegna: Gonnosfanadiga 70, Iglesias 11, etc.

Il terzo è presente in 382 Comuni italiani, di cui 4 in Sardegna: Sassari 15, Cagliari 3, etc.

Sappiamo che cosa significa mollìca, che è, ad esempio, la parte molle del pane e viene dal latino mollìca. Non sappiamo con certezza da dove derivino i primi due e neppure se abbiamo significato ed etimo uguali.

Una ipotesi accettabile è che mallica derivi da mollica; a prova di tale supposizione facciamo presente che a Gonnosfanadiga, là dove il cognome è maggiormente diffuso, i Mallìca sono normalmente chiamati Mobìca. È però bene sapere che la mollica del pane qui da noi è comunemente detta sa prupa o pulpa, o matza dessu pani (la polpa del pane).

N. d. R. Nei Registri Parrocchiali dell'Ottocento, a Gonnosfanadiga, il cognome è ben documentato, ma si presenta sempre con l'uscita Malìca, cioè con una sola elle (anche se nell'anagrafe del Comune è sempre registrato Mallìca. Inoltre il cognome potrebbe essere benissimo di importazione continentale, ma, seppure ciò fosse, non sappiamo quando i primi Malica siano arrivati in Sardegna.

In dettaglio: dal 1826 al 1848 (si tratta del più antico faldone ancora presente nella sacrestia della Parrocchia Santa Barbara; i precedenti sono stati da tanto tempo depositati negli Archivi Diocesani) i Malica (non Mallica) battezzati e quindi appena nati sono 18; i defunti, per lo stesso periodo, sono 21. Dal 1849 al 1868 i nati sono 36, i defunti 23. Dal 1849 al 1874, i nati sono 7, i defunti 6.

A questo punto, considerando il fatto che la pronuncia del cognome, a Gonnosfanadiga è Mobìca, il cognome potrebbe avere altro etimo ed altro significato, completamente diverso da mollìca (del pane). E poichè, come in altre parti detto e ripetuto, il paese di Gonnosfanadiga era conosciuto come il villaggio delle mole (molas, mobas, macine), sia per i cereali che per le olive, è altra ipotesi che il cognome possa derivare da mola - moba (mola anche in latino).

In conclusione, accettiamo suggerimenti, anche quelli che sembrano strampalati! Se ne sapete di più, pur se si tratta di particolari riguardanti il vostro ceppo, comunicate a > Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  < grazie. Nella integrazione da voi fornita verrà messo il vostro nome e cognome o se volete le vostre iniziali.

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 11 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2019 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc