Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Murreddu; Murroni; Murru; Murroccu

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

MURREDDU; MURRONI; MURRU; MURROCCU:

il primo è presente in 10 Comuni italiani, di cui 6 in Sardegna: Galtellì 27, Orosei 14, Nuoro 6, etc.

Il secondo è presente in 80 Comuni italiani, di cui 37 in sardegna: Cagliari 38, Carbonia 32, Masainas 26, etc.

Il terzo è presente in 392 Comuni d’Italia, di cui 153 circa in Sardegna: Cagliari 490, Quartu 235, Quartucciu 168, Oristano 158, Nuoro 143, Sassari 140, etc. Nella penisola è Roma ad avere il ceppo più consistente con 164.

Il quarto è presente in 11 Comuni italiani, di cui 4 in Sardegna: Fonni 26, Masainas 6, etc.

Il vocabolo sardo murru assume due diversi significati e due diversi etimi. 1) Su murru, is murrus = il muso, le labbra. Secondo molti studiosi potrebbe trattarsi di voce onomatopeica. Anche in catalano e spagnolo abbiamo morro, morros. Da murru derivano varie voci: murràle/i (murràbi) è la cavezza o musoliera; murroni (musone) e murrùdu = ceffuto, dalle grosse labbra; unu buccicòni a smurradùra = un pugno sul muso; murrungiai = mugugnare, brontolare o anche il ringhiare del cane; murru è anche sinonimo di bruncu inteso come muso ed anche come vetta di montagna > Bruncu Spina. 

2) murru significa grigio, canuto, sinonimo di cano/u (anche cognome), e deriva dal latino murinus = il colore del topo, quindi da mus – muris. Su célu si murrat = il cielo diventa grigio (vedi nel Web - ZZRime del Campidano-b   "Su carru de Nannai"). Etc. Murreddu in particolare è riferito al pipistrello: su sitzi murreddu, per il colore grigio scuro della pelle. "Anche perchè - suggerisce qualcuno - esce dal covo all'imbrunire".

Sono presenti, Murru in primo luogo, come cognomi, in maniera cospicua nei documenti medioevali della lingua e della storia della Sardegna. Tra i sottoscritori della Petizione di Pace di Eleonora d’Arborea, LPDE, del 1388, troviamo: Murra (de) Juliano, ville Macumerii: Macomer (vedi app. I^8); Murra Petro, jurato ville Sancte Juste: odierno Santa Giusta. Contrate Campitani Simagis (vedi app. I^24); Murras Gantino, jurato ville Orteddi: Oroteddi: odierna Orotelli. Curatorie Dore (vedi app. I^12); Murrellu Gavino, ville Oniferi: odierna Oniferi. Curatorie Dore; Murrepi Salvatore, ville Oltai: odierna Olzai. Barbagie Ollolai et Curatorie Austis, (vedi app. I^11); Murro Petro – ville Terrenove (vedi app. I^5); Murro Stephanus, ville Sasseri (vedi app. I^27); Murru (de) Laurencio ville Cicalmo: villaggio distrutto. Contrate Marmille (vedi app. I^22); Murru (de) Petro, jurato ville Ses Plasses: odierno Las Plassas. Contrate Marmille; Murru Corgiolu, ville Selluri (vedi app. I^29); Murru Fiele, jurato ville Gemussi: villaggio scomparso, detto anche Gamussi o Genusi, in agro di Simala. Appartenne alla Curadorìa o Parte Montis o Montangia, nel regno giudicale di Arborea (vedi app. I^19); Murru Guantino, jurato ville Palmas: villaggio distrutto: Palmas de Pani bonu(?). Contrate Campitani Simagis (vedi app. I^24); Murru Guillardo, Ville Ecclesiarum, Iglesias (vedi app. I^28); Murru Joanne, jurato ville Bangios: villaggio distrutto. Bangius: Contrate Campitani Simagis (vedi app. I^24; Murru Mariano, majore ville Tadasuni: odierno Tadasuni. Contrate Partis de Guilcier (vedi app. I^16); Murru Oremdeu, jurato ville Stolo: o Stolu - villaggio distrutto - Laconi et Contrate Partis Alença (vedi app. I^14); Murrellu Gavino, ville Oniferi:  odierna Oniferi. Curatorie Dore (vedi app. I^12). Sempre nel CDS di Pasquale Tola, al volume II°, relativamente all’anno 1410 31 marzo, nel novero dei 557 homines oristanesi, che prestarono giuramento di fedeltà, in nome e per conto di Leonardo Cubello, ci sono anche Bartolo De Murro e Salvatore Murro (vedi app. III^ anno 1410 31 marzo).

Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo, al capitolo 167 c'è una intera famiglia di Murra: > Partivi ( si tratta di una partizione di servi, tra il monastero di Santa Maria e donnu Troodori Coco arkipiscopu de Sancta Maria d’Aristanis) cun donnu Troodori Coco arkipiscopu: b) Sancta Maria de Bonarcadu levedi (ha preso) a Iorgia Murra cun toto sos fiios suos. Al capitolo 205 c’è Comita Murru: > In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti amen. Ego Arrigu priore de Sancta Maria de Bonarcado, partivi serbos cun s’arkipiscopu Troodori de Muru arkiepiscopu de Sancta Maria d’Aristanis; > levedi Sancta Maria d’Aristanis ad Torbenu Murra fiiu de Comita Murra serbu de Sancta Maria de Bonarcatu et de Maria Orruia, ankilla d’Aristano et Bonarcatu levedi ad Iorgi Frau etc.

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo, ai capitoli 416 e 417, è nominato Murrochu Ithoccor, coinvolto come teste in due acquisti (al 416): > Ego Gavini Taras armentariu (amministratore) pro scu. Petru de Silki in sa domo d’Ulumetu. Comporai pro donnicu meu a Petru de Mocor pithinnu (il giovane), fiiu de Furatu de Mocor, sa parte sua dessa corte in co vi l’aviat, termen assa de scu. Petru, cum dandemi tottu su campu dessa corte, etc. (al 417): > comporai de Ithoccor Virde Capillu pro donnicu meu (per il mio padrone), sa parte sua dessa terra chi aviat, termen (confinante) ass’intratoria dessa porta de corte donnica mia, etc. Tra i testes c’è anche Ithoccor Morrochu. 

Nel Codice Diplomatico di Villa di Chiesa, relativamente all'anno 1509, è nominato Murru Giovanneddo (XVI° sec. paragr. V riga 8): > Per quant es necessari per interes del Rey Nostre Senior y de la sua Regia Cort haver a mans de aquella les matexes (stesse, medesime) persones de Johannot Murro, etc.

Nei Registri Parrocchiali di Gonnosfanadiga, il cognome Murru è presente solo nel primo Ottocento (faldone > 1826 - 1848): Murru Agostino, notaio, morto e sepolto nel cimitero di Santa Barbara nel 1840, all'età di anni 70; Murru Francesca, morta e sepolta nel cimitero di Santa Barbara, nel 1836, all'età di anni 80. Di loro due non sappiamo altro; non erano probabilmente gonnesi di origine, erano forse fratello e sorella; sino a tutto l'Ottocento, in tali registri Parrocchiali, il cognome Murru non compare più.

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2019 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc