Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Naitana; Naitza

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

NAITANA; NAITZA:

il primo è presente in 54 Comuni d’Italia, di cui 26 in Sardegna: Bosa 55, Quartu 32, Sassari 23, etc.

il secondo è presente in 22 Comuni italiani, di cui 12 in Sardegna: Cagliari 21, Ortacesus 15, etc.

Nelle carte medioevali delle lingua e della storia della Sardegna, troviamo i due cognomi nelle loro varianti, in maniera ben nutrita. Sembrano avere in comune significato ed etimo, ma non sappiamo che cosa realmente significhino, ne da dove derivino. Navitha, Naviça, Naiçan, Naissa, Naissan, Naitan, Naitza, etc. sembrerebbe il nome di una località o villaggio scomparso, ma non abbiamo prove certe (vedi più avanti capitolo 193 del CSNT + nota).

Il canonico Giovanni Spano nel suo Vocabolario Sardo Geografico ed Etimologico, nomina la località Nissa (dal fenicio Naitz – terra fertile -, secondo lui) regione presso Capoterra, molto fertile di frutti e di rigogliosi pascoli. Sta di fatto che il cognome, nelle carte antiche ed in tutte le sue varianti, è sempre preceduto dalla preposizione “de”, ad indicare (crediamo) la provenienza. Possiamo solo supporre, oltre l’ipotesi dello Spano, una base nav- per l’origine della parola, quindi dal latino navis = nave; oppure una base nissa da Nissa, Nizza: non dimentichiamo, a proposito, che Nizza (ex italiana, ora francese) fu alleata di Pisa e che i Pisani, dopo il tentativo (non riuscito) di Al Mugiahid di conquista dell’isola nel 1015, cominciarono ad esercitare il commercio, si può dire in tutta la Sardegna, con eccellenza, e si portavano appresso anche i loro amici alleati di Nissa (Nizza).

Non sappiamo altro, ma il cognome nelle sue varianti è presente in Sardegna molto prima dell'arrivo dei Pisani. Inoltre i de Naitha o de Navitha, etc. nominati nei documenti medioevali della Sardegna, occupano sempre ruoli sociali di rilievo e spesso sono preceduti dal titolo nobiliare "donnu".

Tra i sottoscrittori della Petizione di Pace di Eleonora d’Arborea, LPDE del 1388, troviamo: Naiçan (de) Joannes, ville Sasseri (vedi app. I^27); Naissa (de) Salvatore, ville Macumerii: attuale Macomer (vedi app. I^8);  Naissan (de) Murrono, jurato (guardia giurata, collaboratore del majore = sindaco) ville Burgi: odierna Burgos – fondata da Mariano IV, padre di Eleonora. Curatorie de Anella (vedi app. I^10); Naissan (de) Comita, ville Birore: odierno Birore. Curatorie de Marghine  de Gociano (vedi app. I^8); Naissan (de) Guantino, ville Silano: villaggio distrutto – Curatorie de Marghine de Gociano. (da non confondere con l’odierno Silanus, vedi app. I^8); Naitan (de) Petro, ville Meana: odierno Meana. Mandrolisay o Barbagia di Belvì (vedi app. I^ 25); Naitan (de) Salvatore, jurato ville Seercela: villaggio distrutto. Sarcela – Serzele. Partis de Montibus (vedi app. I^19). Sempre nel CDS di Pasquale Tola, al volume II°, relativamente all’anno 1624 29 aprile, nell’elenco delle persone graziate dal vicerè Don Giovanni Vivas, c’è anche Sebastian Naytana  de Bose (vedi app. III^ anno 1624 29 aprile).

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo è nominato ai capitoli, 4°,388,390,391,392,396, Nauithan (de) Ithoccor, testis (testimone) in una donazione del giudice Mariano al monastero di Santa Giulia di Kitarone, etc.; teste in uno scambio al cap. 388; al cap. 390 è sempre teste, insieme al fratello Comita, in una lite tra donnu Comita de Serra e donnu Ithoccor de Kerki, su de Cotronianu (Codrongianus); al cap. 391 è di nuovo teste, insieme al fratello Comita in una lite tra Comita de Serra e Mariane de Laccon; al cap. 430, Comita de Navithan, è teste in una donazione a San Pietro di Donnu Ithoccor de Thori: Posit (ha donato) ad scu. Petru donnu Ithoccor de Thori kando senke affersit (si fece converso), pross’anima sua su latus (la metà) dessu saltu d’Urey. Et sunt termenes d’ecustu saltu: ave Nurake de Corvos falat (scende a) Rivu Mortu ad su Kercu Arcatu de Flumen Minore, etc.  Comita de Navithan è nominato inoltre nei seguenti capitoli: 207 e 273; al 207 è coinvolto in una donazione al monastero di San Pietro: Positinke (ha donato) donna Sikiia Tussia  mesa lira d’argentu a scu. Petru, ki lis derat assos nepotes a casticare (da guardare, custodire, educare); et issos no la poterun aver sa mesa lira, derun inde su saltu de Valle de Cucke, etc. > varicat sa via termen dessa de Comita de Navitha. Etc. al cap. 273 Comita de Navitha presiede la “Corona” (tribuanle) per una lite (kertu) tra il monastero e Petru Furca e Gavini Papis: Kertai (Ego abbatissa Maximilla), etc. *> et ego battussilos a Corona de donnu Comita de Navitha, etc. al capitolo 262 è nominato Dorgotori de Navitha, maiore d’iscolca (comandante della guarnigione di guardia ai confini del giudicato): > Kertait mecu (ha avuto una lite con me) Comita d’Urieke (villaggio scomparso; dai documenti sappiamo che si trovava nella Curadorìa di Figulinas)prossa terra ki poserat su patre a clesia, ca naravat ca “no bi la posit patre meu”. Et ego binkindelu in Corona dessu Maiore d’Iscolca (comandante della guarnigione di guardia ai confini) Dorgotori de Navitha. Etc. ai capp. 324 e 344 troviamo Saltaro de Navitha, maiore d’iscolca: in lite col monastero al 324; teste in un acquisto, del monastero da Gosantine de Kerki: > Comporaili (ho acquistato) a (da) Gosantine de Kerki et a Mariane su frate, sos de Tamarikes ( villaggio scomparso, i cui resti si trovano in agro di Usini), latus (la metà dessu saltu de Valle de Mariane, etc. tra i testes c’è anche Saltaro de Navitha, maiore d’iscolca). Al capitolo 423, abbiamo, Bosovekesu Mannu de Navithan, su de Guthule, in una postura (donazione): > Posit donnu Bosovekesu mannu de Navithan, su de Guthule (villaggio scomparso della Curadorìadi Nughedu, nel regno giudicale di Torres; di Guthule resta la chiesetta di San Nicola nelle vicinanze di Ozieri), ad scu. Petru de Silki, prossa anima sua, dessu saltu d’Othicheor et de Monte de Gruke, etc. al capitolo 348 troviamo donnu Dorgotori de Navithan maritu de Jorgia Pinna, in una donazione al monastero di San Pietro: Morivit donna Jorgia Pinna, fiia de donnu Gosantine Pinna su de Nugor (Nuoro), muiere ki fuit de donnu Dorgotori de Navithan Boe, kene aver filiu.

Nel Condaghe di San Michele di Salvennor, CSMS, XI°, XIII° secolo, troviamo Comida de Navithan, al capitolo 4, ed è lo stesso del CSPS 207 e 273: > Yo T. Abad de Salvenor  comprè de Quintin de Nyreki y de su hijo Comida de Navithan una casa en Castillo espaldas a (spalle a ) mi corral, etc. Al Capitolo 326 è nominato Gunari de Navithan, teste in una donazione al monastero: > Yo Dorgotori Pira dio (dono) a San Miguel por mi alma mi parte de la Corte. De tres partes una de Salto y de higuera con voluntat mia de mi muyer y hijas. Testes: Donnu Gunari de Navithan y el hijo de Donnu Itocor  y donnu itocor Carta. Al cap. 346 c’è Barisone de Navithan, teste in processo per il possesso della servitù: > Yo el Abad Miguel de Salvenor puse pleyto (ho intentato processo) a Don Marian de Maronju por siervos de Salvennor que dono Donna Muscu de Maronju por su alma a San Miguel de Salvennor en Corona de Misser Conrado que era Senior de la tierra, y tenia la Corona (tribunale), etc. tra i testes c’è anche Barisone de Navithan. Ai capp. 340 e 344, c’è Donnu Saltaro de Navithan, che abbiamo già visto nel CSPS 324 e 344, coinvolto in una donazione al 340 e così pure al 344: > Dio Donna Muscu de Maronju a San Miguel por su alma su casa de Oruspe (villaggio scomparso, i cui resti si trovano in agro di Sennori; pagava le decime sino al 1346; scomparve in quel periodo),  con tierras, viñas, frutas y saltos para que la possea sinque hijo o hermano, etc. etc. > con voluntade su seños D. Saltaro de Navithan, etc. al capitolo 257 c’è Ithoccor de Navithan, coinvolto come teste in una donazione al monastero.

Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo, ai capitoli 158, 197, 323, troviamo Comita de Navitha; al 158 è nominato in un acquisto: > Comporaili a Niscoli de Castavar, su de Arcennor (villaggio scomparso; si trovava in territorio di Semestene), terra in Funtana de Girgithal: in co falat (scende) totube ribu usque ad flumen; et collat (sale) usque assu termen dessa terra de Gosantine de Serra; et collat totube termen usque assa via de Terra de Maria; et moliat (gira) usque assu termen de donnu Comita de Naviça, etc. al capitolo 193 troviamo Petru Muria, mandatore de Navika (vedi nota più avanti): > Comporaili ad Andria Pica et a Gavini de Nule terra in Cucurke termen  assas ki mi derun de Ianne Gardas, et deivilis .xv. moios d’oriu in sollu, et .x. de tridicu in sollu. Testes: Ytçoccor Pisanu, servu de Sancta Trinitate et Petru Muria, mandatore de Navika (qui Navika sembra proprio una località, di cui, come anzi detto, non si fa menzione in altre parti, né della Sardegna medievale, né di quella moderna e contemporanea; appare comunque come variante di Navitha(n), Naiça, Naissa, Naitza, etc.). Ricordiamo inoltre i fratelli Giovanni e Barisone Naviça o Naitza, personaggi della storia giudicale del trecento (Di. Sto. Sa. di F. C. Casula).

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 40 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2022 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc