Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Pedde; Peddes; Peddi; Peddio; Peddiu

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

PEDDE; PEDDES; PEDDI; PEDDIO; PEDDIU :  

 

il primo è presente in 25 Comuni italiani, di cui 15 in Sardegna: Olbia 37, Sassari 32, Buddusò 18, etc.

il secondo è presente in 10 Comuni italiani, di cui 6 in Sardegna: Tonara 24, Quartu S. Elena 6, Cagliari 5, etc.

il terzo è presente in 3 Comuni italiani, di cui 1 in sardegna: Florinas, con un solo nucleo familiare;

il quarto è presente in 47 Comuni italiani, di cui 32 in Sardegna: Desulo 121, Selargius 27, Cagliari 21, etc.

il quinto è presente in 5 Comuni italiani, di cui 4 in Sardegna: Villagrande Strisaili 18, Villaputzu 5, Girasole e Tortolì, con un nucleo familiare a testa. Vedi inoltre il cognome Peddis, etc.

I cognomi su elencati traggono origine dal latino pellis = pelle. Sa pèddi, in Campidano, sa pèdde in centro e nord è la pelle.

Troviamo il termine in tantissime espressioni della lingua sarda. Peddamini significa pellame. Ispeddare/i o speddiai (camp.), significa spellare, ma anche affannare, stare in ansia e speddiu vuol dire ansia, cruccio, affanno. Per spellare è più frequente scroxài, da cròxu altro termine per pelle. Pedditzoni significa uomo rozzo, misero, vestito distracci, come l’italiano pelliccione. Pedditzoni è più che altro campidanese, mentre in centro nord abbiamo peddòne/i. Peddio e Peddiu stanno per peddino e peddinu. Pedduzza = piccola pelle.

Ritroviamo i cognomi, nelle varianti antiche, nelle carte medioevali della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE, del 1388, ci sono 5 Pelle:  Pelle  Michael - de Aristanni, Oristano, app. I^1; Pelle Joanne, ville Bilbì, odierno Belvì. Mandrolisay o Barbagia di Belvì), app. I^25; Pelle Joanne, ville Turri, odierno Turri. Contrate Marmille), app. I^22; Pelle Petro, jurato (guardia giurata, collaboratore del mjore = sindaco) ville Meana, odierno Meana. Mandrolisay o Barbagia di Belvì; Pelle Suaccheso, ville Golossane, villaggio distrutto, Curatorie de  Marghine de Gociano), app. I^8. C’è inoltre Pellis Nicolaus de Aristanni, app. I^1.

Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB XI°, XII° sec. al capitolo 177, figura un certo Pelles Gunnari, in una spartizione di servi, tra la chiesa ( per volontà di Nicolau priore de Bonarcado e Pedru de Figos, armentariu de logu ( nei regni giudicali era il funzionario più alto dello stato, detto anche officiali mayori); nella quale divisione è detto che il Gunnari passa a servizio della chiesa ( et clesia levait a Gunnari Pelles); sempre nel CSMB, al cap. 61 troviamo Pellis Orzocor, teste in un acquisto di terre per il monastero, da privati: > Comporeilli (ho comprato – Ego priore Iohanne de Bonarcato) a Mariane Arte et a frates suos terra in Puzu de Foràda et fegindelli sollu (ho pagato un soldo).

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo, al capitolo 441, abbiamo: Pelle Antioclu, mastru, Pelle Joanne, mastru e Pelle Matheu, sono coinvolti come testimoni in una confessione di donna Merelia de Derisa de Plovake (Ploaghe): > Ego Angnesa per issa grathia de deum abbatissa de scu. Petru de Silki fatho recordatione dessa muiere qui fuit de mastru Gantine d’Etim, qui fecherun servum de Ginithu Bonum (bene ereditario), qui morivit et confessait sa muiere donna Merelia de Derisa de Plovake, etc. Ai capitoli 319, 320 e 340 si fa menzione di Gavini Pelle, mandatore de clesia (amministratore generale) de Sancta Maria de Cotronianu (Codrongianus), depositario di giuramento al 319 e 320; al 340 compaiono Gavini Pelle e Marcusa Pelle coniugi: > Gavini Pelle e Marcusa Pelle coiuves furun (si erano uniti in matrimonio); Gavini fuit integru (servo per l'intero servizio) de sca. Maria de Cotronianu, e Marcusa fuit de scu. Gaviniu. Fekerun .iiij. (4) fiios, a Maria, a Gosantine, a Nikita e a Marina, etc. Al capitolo 410 è nominato Petru Pelle, armentariu (amministratote generale) de sa domo de Cotronianu, coinvolto come testimone in un contenzioso tra la chiesa di San Pietro e donnu Saltaro de Kerchi per la proprietà de sa domo de Cotronianu: > Ego apatissa Tedora ki ponio in ecustu condake, accordiu ki feki dessu fundamentu (appezzamento di terra) depus sa domo de Cotronianu de scu. Petru de Silki, ki aviat levatu donnu Saltaro de Kerchi, etc.

Sempre nella storia della Sardegna medioevale, ricordiamo Giovanni Pellis, vescovo della diocesi di Terralba dal 1475 al 1484, nel regno catalano aragonese di Sardegna e Corsica. [ lettera datata Roma 19 agosto 1475, papa Sisto IV°, inviata all’ex vescovo Biagio: “ Venerabili frati Blasio olim episcopi Terralbae”.] > Di. Sto. Sa. di F. C. Casula.

 

 


Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 19 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2023 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc