Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Piana; Piano; Pianu

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

PIANA; PIANO; PIANU:

il primo è presente in 603 Comuni italiani, di cui 42 in Sardegna: Sassari 214, Sorso 109, etc. Nel resto d’Italia Genova ne conta 281, Valstrona, in Piemonte, 217, Bologna 195, Torino 119, etc.

Il secondo è presente in 354 Comuni italiani, di cui 47 in Sardegna: Capoterra 226, Assemini 156, Cagliari 97, etc.

Il terzo è presente in 77 Comuni d’Italia, di cui 37 in Sardegna: Tuili 21, Sassari 21, Terralba 20, etc. Nel resto d’Italia Milano ha il ceppo più consistente con 13.

Il termine piana/o/u in lingua sarda assume quattro significati e quattro etimi diversi:

1) piana > apiana è il gruccione, che viene anche detto su marracàu, su burrucàu, merops apiaster in latino = divoratore di api: è il nemico numero uno degli apicultori; càu deriva da cavum o tronco cavo o meglio ancora sughero, corteccia della quercia da sughero;

2) piana > peaña > pedana, piedestallo, base di una statua;

3) piana > prana > pialla, dal catalano plana;

4) piana/o > plana/o > prana/u: sa/u plana/u de > la pianura di > del: es. sa Plana o su Planu de su Campidanu = la pianura del Campidano.

Ritroviamo molto spesso il termine Plana/o/u, come toponimo nelle carte antiche della Sardegna, ma sono nomi di luogo anche attuali, diffusi in tutto il territorio dell’isola. Esempio nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo: al cap. 420 > su p

Planu de Kersas; al cap. 418 > su Planu dess’Arjola; al cap. 191 > Planu de Murta; al cap. 129 > su Planu de Silki, etc. Piana è anche il nome antico dell’isola dell’Asinara.

Pianu è inoltre il nome di un villaggio scomparso, detto anche Nostra Signora de Pianu: era ubicato in agro di Ozieri. Il villaggio ha origini preistoriche. Per la prima volta è documentato nel testo di Giovanni Francesco Fara “De Chorographia Sardiniae”. In periodo medioevale appartenne ai Doria, poi passò al regno giudicale di Arborea, e terminato questo, dal 1420 fu inglobato nel Regno catalano aragonese di Sardegna e infeudato; sino a che passò ai Centelles ed infine al figlio di Maddalena Centelles Francesco Tommaso Borgia; dei Borgia era ancora proprietà quando fu abbandonato, poco dopo il 1653 (Di. Sto. Sa. di F. C. Casula).

Altro villaggio scomparso da ricordare è Plano/u Moys, i cui resti si trovano in agro di San Basilio. In periodo medioevale appartenne alla Curadorìa di Trexenta, nel Regno Giudicale di Càlari, nella Diocesi di Dolia; fu abbandonato nel secolo XIII°.

Come cognome lo troviamo nelle carte medioevali della Sardegna, nelle sue varianti. Tra i sottoscrittori della Pace di Eleonora d’Arborea, LPDE, del 1388 sono nominati: Piano Matheo, jurato (guardia giurata, collaboratore del majore = sindaco) ville Gorare, Odierna Borore. Marghine de Gociano (vedi app. I^8); Pianu Bidocco, jurato ville Golossane, villaggio distrutto, Curatorie de Marghine de Gociano; Pianu Guantino, jurato ville Nurgillo, odierno Norbello, Contrate Partis de Guilcier (vedi app. I^16); Pianu Petro, ville Gocille, villaggio Distrutto. Curatorie de Anella (vedi app. I^10). Plana Andrea, jurato ( guardia giurata, collaboratore del maiore – sindaco) ville de Gucizle, villaggio distrutto – Diocesi di Galtellì (Contrate Montis Acuti, vedi app. I^4); Plana Guantino – ville de Ilani, villaggio distrutto de Contrate Montis Acuti (salto di Orotelli);.Plana Joanne, ville Spelunca. villaggio distrutto, diocesi di Ampurias. Contrate de Anglona – Chiramonte (vedi app. I^13); Plana Manuele, majore (sindaco, amministratore di giustizia) ville Bersude, odierno Bessude. Contrate Caputabas, app. (vedi app. I^20; Plana Martino, ville Spelunca; Plana Nicolao, jurato ville Layrru, odierno Laerru. Contrate de Anglona- Chiaramonte; Planis Joanne, donicellus Castri Callari (vedi app. I^32); Planis Joanne, donicellus. (Ollolai), odierna Ollolai. Barbagie de Ollolai et Curatorie Austis (verdi app. I^11); Plano (de) Anthonius, ville Algueri, Alghero (vedi app. I^26). Pranu Guantino, ville Silano, villaggio distrutto, Curatorie de Marghine de Gociano) da non confondere con l’odierno Silanus, vedi app. I^8); Pranu Sthefano, ville Gocille, villaggio Distrutto. Curatorie de Anella (vedi app. I^10).

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, al cap. 345 è nominato Plana Gosantine, previteru (prete), coinvolto come teste in una donazione al monastero di San Pietro: > Cando posit donnu Petru de Serra Caballare a scu. Petru de Silki sa domo de Teclata, tando bi deit appus sa domo de Teclata totta s’isclatta ( tutta la schiatta) dessos Barirhos, cun pertenenthia issoro (con tutto quanto loro apparteneva), etc. Al cap. 402 troviamo Gantine Plana coinvolto nel gruppo di periti per la definizione dei confini di un terreno (adterminamentu) in Saltu de Sitale: > Posit su donnu meu iudike Mariane (possiamo risalire alla data, perché si tratta probabilmente di Mariano II di Torres, incoronato nel 1218, all’età di circa 30 anni e morto presumibilmente alla fine del 1232), ad adterminare su saltu de Monte de Lella, a donnu Ithoccor de Kerki curatore de Plovache , et donnu Ithoccor andait cun sos homines dessa Curatoria: fra i quali c’è anche Gantine Plana. Al cap. 46 sono nominate Maria Plana e la figlia Imbenia Plana, in una lite per la servitù (kertu de servis): > Ego piscopu Jorgi Maiule ki ponio in ecustu condake de scu. Petru de Silki, ca mi furait ad Imbenia Plana Gosantine de Nurki, etc. (più avanti) > e binki in Imbenia Plana fiia ki fuit de Maria Plana, intrega (a pieno servizio) de scu. Petru de Silki, etc.

Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo, al capitolo 121 troviamo Pianu Elene, Pianu Vera, Pianu Justa e Pianu Miali, figli di Pianu Petru: > Petru Pianu fuit sebu de Sancta Maria de Bonarcadu. Coiuvedi (si sposò) cun Paulesa ki fuit libera ad boluntade bona de pari; in domo de su serbu fegerunt IIII fiios; Elene, Miali, Bera e Iusta, etc. Al cap. 159 è nominato De Plana Goantine, come teste in una donazione al monastero di Santa Maria: > In Nomine Domini amen. Ego Mariane d’Uta ki ponio (dono) ad Sancta Maria de Bonarcatu pro anima mea terras quantas apo in er Riora et in Baratiri (Riola e Baratili) et intro de saltu et foras de saltu, foras de (ad eccezione) de una terra ki ‘nde voco. Et do sa plaza de Cevellane, ki tenet (confinante) a sa plaza de Furadu Corria et parzone de Cucusa sorrastra (sorellastra) mia ki morivit enea (nubile), sa cantu m’inde pertinet a mimi. Etc. fra i testes della donazione troviamo anche Goantine de Plana armentariu (amministratore) de Iohanne episcopu de Usellos, etc.

Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo, ai capitoli 8 e 14 è nominato Bicturu Plana, teste in un acquisto prima, donatore al monastero di una terra poi: (8) > Comporaili a Mariane de Nureki pede (un quarto del servizio) in Elene Corsa et deibili .xx. moios de tridicu. Testes: Petru Buiace et Bicturu Plana. Al capitolo 151 abbiamo 4 fratelli col cognome Plana: > Ego Petrus prior (priore di S. Nicola di Trullas) ponio intu Condace pro Elene Manicas, ki mi levait a larga Gosantine Boe, kene voluntade mea et de Armentariu meu et de mandatore meu, batendelos sos parentes; sendevi sa die co’inde la levavat a larga > segue > Et posiminde testimonios a Petru Plana, maiore d’iscolca (comandante della guarnigione di guardia ai confini), et Gabini Plana et Gosantine et Dorgotori, mandatore de liberos (rappresentante degli uomini liberi). Al capitolo 81 abbiamo Petru Plana, su de Gusuntule (villaggio scomparso non identificato) e Ianne Plana “suo discente”, coinvolti come testes in un acquisto: > Comporailis ( ho comprato) a Comita Açorce et ad Içoccor Rubiu, su genneru, .II. dies (di servizio settimanale) in Cosantine Mancu, et .II. dies in sa fiia Iusta , et .I. die in su fiiu Comita. Et deibilis (ho dato in cambio) .I. equa in .II. sollos , et .II. sollos de tridicu, et .XV. çiricas (forme) de casu, etc. Testes ci bi furun: Petru Plana su de Gusuntule et Ianne Plana su discente suo, et Yçoccor de Çori, maiore d’iscolca de Usune ( attuale Usini). Ai capp. 177, 278, 243 e 244, troviamo Ianne Plana e Iusta Plana: (177) > Comporaili (ho comprato) assu Cane pede (un quarto del servizio) de Iusta Plana, sorre de Ianne Carruca; et deivili (ho dato in cambio) .I. mesa libra de argentu laborata pro cussa et pro atteru debitu ki li abea. Testes: Ianne Plana prebiteru (prete) et Petru de Monte et Comita Pinna. Al cap. 196 è nominata Marcusa Plana: Comporaili (ho acquistato) a Marcusa Plana terra in Çinnigas, tenendo assa de Dorbeni Çicellu; et dibili(ho dato in cambio) barnellu de pesentinu (tela di lino) in sollu (del valore di un soldo). Etc.

Nel Condaghe di San Michele di Salvennor, CSMS, XI°, XIII° secolo, al capitolo 337, troviamo Furadu Planu o Pianu, figlio di Pedru Pianu, in una donazione al monastero di San Michele: (en Cosseyn = in Cossoine) Dio (dono) a San Miguel por su alma (per la propria anima) Furadu Pianu, hijo de Pedro Planu la viña nueva de filique que tenia con Itocor de Terquillo, etc. Al capitolo 175 troviamo Gosantin Pianu (Planu): coinvolto come servo in una donazione al monastero di San Michele: (Caça – Casa - in Salvenor) > Yo Itoquor de Lacon que dio a San Miguel de Salvenor por mi alma y de mis parientes la mitat de quanto tengo, de mi Caça de Salvenor y la mitat de quanto tengo en mi Caça de Urgeque fuera de las cortes y los - etc. > y a Gosantin Pianu entero (per l’intero servizio) y a Margarita Loco, etc.

 

 


Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 36 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2024 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc