Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Figus

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Dettagli

FIGUS:

il cognome è presente in 205 Comuni italiani, di cui 84 circa in Sardegna: Cagliari 140, San Gavino M.le 78, etc.

Oltre che come cognome è assai diffuso come toponimo: is figus, ad indicare una località ricca di fichi, selvatici e non. Figu e Figus sono nomi di diversi centri abitati, di cui alcuni scomparsi:

Figu Era, villaggio scomparso, già appartenente alla Curadorìa di Campidano o Civita, nel regno giudicale di Càlari; abbandonato dalla popolazione verso la fine del XIV° secolo;

Figu, abitato già appartenente alla Curadorì di Usellus – Partis de Montibus, ( vedi app. I^19). Nel 1410, dopo la caduta del giudicato di Arborea, passò al regno catalano aragonese di Sardegna. Dal 1964, ha preso il nome di Figu – Gonnosnò: oggi è un piccolo paese di 828 abitanti della provincia di Oristano;

Nuraxi Figus, frazione di Gonnesa, della provincia di Iglesias Carbonia. Etc.

Come cognome, Figus è presente, in diverse uscite, nelle carte medioevali della storia e della lingua della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, abbiamo: Figos (de) Guantino, jurato ville Sancto Haeru, odierno San Vero (Contrate Partis de Milis), ( vedi app. I^18); Figos (de) Nicolao, jurato ville Pauli, Pauli… Gerrei …odierno San Nicolò Gerrei. Contrate Marmille, (vedi app. I^22); Figos(de) Aulino, jurato Villa de Abbas, Santa Mariacquas. Contrate Montis Regalis, (vedi app. I^6); Figu (de) Georgio, jurato ville Cuuri, villaggio distrutto...presso Ghilarza. Contrate Partis de Guilcier, (vedi app. I^16); Figuera(da figu - era o potrebbe essere spagnolo) Joannes, ville Algueri, (vedi app. I^26); Figus (de) Angelo, ville Gonnos de Codina. Gonnoscodina. Partis de Montibus, (vedi app. I^19); Figus (de) Nicolao, jurato ville Donugagia, odierno Donigala. Campitani Majoris, (vedi app. I^21). Sempre nel C. D. S.Vol. II°, del Tola, relativamente all’anno 1410, 31 marzo, fra i 557 homine di Oristano, che giurarono fedeltà al re aragonese, in nome di Leonardo Cubello, ci sono anche Anthonio De Figu e Iohanne De Figus, (vedi app. III^ anno 1410 31 marzo); Sempre nel C. D. S. Vol. II° del Tola, relativamente all’anno 1678, 6 novembre – Assegnazione della nobiltà e cavalierato, è nominato, Figus Francisco de la ciudad de Iglesias > cavalerato, ( vedi app. III^ Anno 1678).

Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo, troviamo diverse persone con tale cognome: al capitolo 71 ci sono Egizio de Figos e la figlia Lugia coinvolti come servi in una donazione, e Petru de Figos, citato come testimone: > Ego donna Algaburs regina de Logu d’Arboree, ki lli do a Sancta Maria de Bonarcatu su latus (metà del servizio) ki avia in Lugia, sa fiia d’Egizu Figos e latus de Maria fiia de Lugia. Latus de sa matre e latus dessa fiia li dei a Sancta Maria prossa anima de Berringeri de Scol. Bennit Comida de Corte, mandatore (rappresentante giudiziale) de Sancte Eru a Bonarcatu per comandamentu dessa donna e positilla in sa manu dessu priore Armannu, ki erat tando (allora) carmalingu. Etc. Al cap. 166 sono nominati Goantinu e Iorgi e Maria e Bera Figus, in una spartizione di servi: > Partivi ( Ego priore Iohanni, ho diviso) cun su piscopu de Sancta Iusta (col vescovo di Santa Giusta) fiios de Goantine de Figus et de Iusta Barbis. Ego levei (io ho preso) a Maria et a Bera: su piscopu levedi a Iorgi et a Muscu. Custu parthimentu amus factu, sos donnos a bene (in pace e bene). Etc. Al cap. 190 sono nominati, Honori de Figu e Petru de Figos, armentariu de Locu (amministratore di giustizia) e Leonardu, figlio di Petru, in una donazione al monastero: > Donaitimi Honori de Figu de Tremaza et Iorgi Merkis et Iorgi Mameli et Petru Mameli et Furada Mameli et donnia frate ipsoro sa parzone k’aviant intro de binia de Sanctu Iorgi de sa Figu Canasturza (località) et terra et fructu et bide (vite, vigna), etc. Testes donnu Petru de Figos armentariu de Locu (amministratore del territorio) et ipsu fiiu Leonardu, etc.

Nel Codice Diplomatico di Villa di Chiesa, relativamente all'anno 1450 è nominato Figus Giacomo (XV° sec. paragr. LXXII riga 141): > per il riscatto di Villa di Chiesa dalle mani e potere del conte di Quirra la città deve versare la somma di lire 7750 - nelle mani del re Alfonso; della cui somma da pagare, 5750 spettano alla città di Iglesias, che è autorizzata a pagare anche in forma diluita, ma con "rate" non inferiori a lire 1000: in garanzia di questo, parecchi cittadini di Iglesias si rendono fidejussori in nome proprio; fra questi c'è anche Jacopo Figus. 

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2022 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc