Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

APP. II^ 1 Su Kertu Mannu (lo sciopero)

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Dettagli

APP. II^ 1 : SU KERTU MANNU

Cap. 205 del Condaghe del Monastero di San Pietro di Silki:

Si tratta del primo vero e proprio sciopero dei tempi della Sardegna Medioevale: i servi del Monastero di San Pietro di Silki chiedono di essere liberati dalla "servitù" e si rifiutano di prendere sevizio. Massimilla abadessa del monastero non è d'accordo sulle richieste dei servi e li cita in Tribunale, a presiedere il quale è chiamato direttamente  il Giudice di Torres: si tratta senza dubbio di Gonnario II° de Lacon Gunale Giudice di Torres: siamo intorno alla metà del XII° secolo). 

In calce la traduzione letterale in italiano.

Capitolo 205 del CSPS: > Ego Massimila, appatissa  de Sanctu Petru de Silki: "Kertai pro servos de scu. Petru de Silki ki mi furun andatos pro libertatos e non bolean faker servithu ki fakean parentes issoro, in famiia, et ego nonde pottî faker kerviclia, tenninde corona dessu donnu meu iudike Gunnari de Laccon, ponendelu ego a kertare a donnu Mariane de Maroniu pro scu Petru". E iudike torratili berbu, ca : « Curatore de Romanja ses, nunthalos tu, et issos atteros ki sun foras de curatoria de Romanja ego los appo nunthare ». E iudike torraitili berbu, ca « curatore de Romania ses, nunthalos tu, et issos atteros ki sun foras de curatoria de Romania ego los appo nunthare ». Et iudike nunthaitilos a nnatale de sci. Gavini, a benner cum cartas auunde bolean esser liberos ispesionarios. E battusserun cartas sos ki las avean , e iudike pregontait sos dessa Corona ca « gitteu bos inde paret d’ecustas cartas ? » Et issos torrarunili berbu, ca « malas nos paren, e non sun de crederelas » E non parverun bonas sas cartas nen a iudike, nen a llocu. Poserunimi in manu sos homines a serviremi, e iudike naraitilis ca « assa festa de sce. Elias siates in su monte, in corona mea, cum sas cartas prounde bolites esser liveros ». Et ego levailu a donnu Mariane de Maroniu et assu priore meu donnu Furadu Gaspis e mandailos assu monte, a cco posit iudike : et issos no bi bennerun, nen cum cartas, nen sene cartas a Corona. Et iudike narait ad totto Corona, ca : « D’ecustos homines in uve kertat scu. Petru de Silki, ki lis posi ecco accantas coronas e non bennerun, gitteu volites ca ‘nde fatha » ? Et issos liveros torraruili verbu ca : «  Datende iura assos servos de scu. Petru, cà sise videren c’arun poter vinker ad esser liveros vennitos in esser a Corona ». Et iudike positinos ad usettare isca notte e non bennerun ; et issos homines ki kertavan custu kertu, narrunili a iudike ca : «  Donnu gitteu nos fakites »? Et Iudike naratilis ca : «  Vattute (portate) servu de clesia e iuret » - Benit Gosantine de Monte ki fuit servu de clesia e iurait a ca : «  Custos homines uve (coi quali) kertat donnu Mariane de Maroniu de fiios de servos de familia de scu. Petru de Silki sun, ki non furun liveratos ». Et iudike naraitinos ca : « Inperatelos avestara a familia tottu su paniiu, ki furun pro liveratos de scu. Petru e non iusserun cartas a Corona a cco lis ponean ». Testes : iudike Gunnari de Laccon e Comita de Gunale e Petru de Laccon e Ithoccor de Laccon e Comita de Laccon e Saltaro Pinna e Petru Pinna e Dorgotori de Ponte e Gsantine de Varca e Gunnari de Thori e Dorveni de Carbia e Ithoccor de Thori e Gosantine de Thori ecantos vi furun in sa Corona ; e maiore de Ianna Gosantine Palas e kita sua (la sua guarnigione). Testes. E narait iudike in Corona prossos ki non vatussen sas cartas ca : «  Si battun avestara (se portano d’ora in poi) cartas de no las creder, o malas esserent o bonas « Nomen (nomina) dessos homines ki se mi levavan pro liveratos. (segue il lungo elenco dei servi che si erano ribellati come liberati):

Petru de Mukianu e Gosantine su fiiu e Isthephane su fiiu e Comita su fiiu e latus ( la metà del servizio) de Andria su fiiu; Mariane Arte e fiios suos; Petru Corsu e Fiios suos; Jorgi de Canake e Dericcor su frate e Gosantine su frate e Anna sa sorre e Maria sa sorre cum fiios issoro; Dericcor d’Ockeri e fiios suos; Gosantine d’Orane e fiios suos; Dorgotori Pettenatu e fiios suos; Gosantine Arte e Petru su frate e Elene Arte e Maria Arte e Justa Arte cum fiios issoro; e fiios de Petru d’Ockeri; e Gosantine Parithe e fiios suos; e Justa Parithe cum fiios suos; e Mariane Tillis e fiios suos tottu; Comita Tussia e fiios suos; Dorgotori Tussia e fiios suos; Justa Tussia e fiios suos; Frevari Capillu e fiios suos e latus de Gavini su frate e fiios suos; Garulittu e fiios suos; Maria sa sorre efiios suos; Visenti de Funtana e fiios suos; Maria sa sorre e fiios suos; Jorgi su frate e fiios suos; Gosantine Piticu e fiios suos, e Furatu Piticu e fiios suos e issa sorre cum fiios suos; Ithoccor de Seltas e fiios suos e janne su Frate e Jorgi su frate de Garulittu e fiios suos; Furatu Solina e fiios suos depus issa mama; Istephene Pala e fiios suos e Gosantine su frate e fiios suos e Petru Pala e fiios suos e Elene Pala sa sorre e fiios suos; Gosantine d’Urieke cum fiios suos e Mariane su frate e fiios suos e Maria sa sorre cum fiios suos e Elene sa sorre e fiios suos; Maria de Soiu cun fiios suos e Petru de Soiu cum fiios suos e Justa de Soiu sa sorre cum fiios suos; Gosantine Savitanu e Matrona sa sorre cum fiios suos e Mariane Savitanu su frate cum fiios suos e Dorgotori Savitanu su frate; Jorgi Muris et issos fiios depus isse; Thaita Pala intrega e latus de Martine Muris su maritucum parte canta mi dittavat dessu fetu; Bittorine de Funtana cum su fiiu; Nastasia de Carros cum fiios suos; Bonosia cum fiios suosdepus issa; Vittoria de Soiu cum fiios suos; Jorgia Cocone cum fiios suos; Andria de Soiu cum fiios suos; Furatu Topparu cum parte sua dessu fetu; Gavini Tenneru cum fiios suos; Muscu Culurione cum parte sua dessu fetu; Susanna Carta cum parte sua dessu fetu; Petru de Seltas et Elene sa sorre; Mariane Cocone cum fiios suos et Angela sa netta; Petru de Varda cum fiios suos e Istephane su frate cum fiios suos e Furata de Varda sa sorre et Elene fiia de Comita et Elene fiia de Gosantine; Elias Dente et Ithoccor et Iskemose e Petru tottos .iij. frates e Maria sa sorre cum fiios suos e Maria Pinta e Bona Pinta; e Maria de Cannetu; Gavini d’Ariolas cum fiios suos; Bonellu cum fiios suos; Maria Furca cum fiios suos e nepotes suos, ki fuit de postura (dono) de donna Maria d’Arsumen ». Termina qui il lungo elenco delle persone – servi – homines et ankillas – uomini e donne, che si ribellarono a Massimila abadessa di San Pietro di Silki, chiedendo appunto di essere liberati dalla servitù.  

Traduzione letterale in italiano.

>>> Io Massimilla: "Ho fatto lite con i servi di San Pietro di Silki, che sono andati via liberi, e non volevano fare il servizio che facevano i loro famigliari ed io non potendo  fare forza contro di loro, li ho citati in Tribunale presso il mio signore Giudice (di Torres) Gunnari de Laccon, nominando in difesa di San Pietro Don Mariane de Maroniu. Al quale il Giudice ha risposto: " Sei tu il curatore di Romangia ( regione in cui si trovava il monastero di San Pietro) citali tu in Tribunale, quelli che ti appartengono, gli altri che sono fuori dalla  giurisdizione di Romangia, li citerò io". E il giudice li citò in Tribunale per il giorno del "martirio" di San Gavino (celebrazione relogiosa che ricorreva, allora come ora, in data 25 Ottobre), perchè si presentassero con i documenti per cui chiedevano di essere liberi affittuari. E quelli che li avevano portarono i documenti ed il Giudice chiese a quelli della Corona (Giuria): " (Gitteu: pronome interrogativo: che cosa?) Che cosa ve ne pare di queste carte"? E i giudici risposero: " Non ci sembrano buone e non sono credibili"! E non parvero buone quelle carte (documenti) né al Giudice, né ai presenti (in giuria). Mi consegnarono quelli uomini per il servizio e il Giudice disse loro: " Alla festa di Sant'Elia ( 20 Luglio) siate sul monte nel mio tribunale con le carte (documenti) per cui chiedete dui essere liberi". Ed io (Massimilla) ho preso Don Mariane de Maronju ed il mio Priore Don Furatu Gaspis e li ho mandati al Monte che aveva indicato il Giudice. Ma quelli ( i servi che chiedevano di essere liberati) non arrivarono al Tribunale, né con le carte, né senza carte. E il Giudice disse a tutti i presenti del Tribunale: " Di questi uomini, contro i quali fa lite (kertu) San Pietro di Silki, che ho convocato più volte in Tribunale e non sono mai venuti, che cosa volete che ne faccia"? E quelli uomini liberi risposero: " Fate prestare giuramento ai servi di San Pietro, poichè se avessero avuto la possibilitò di vincere (la causa), si sarebbero presentati in Tribunale". E il giudice suggerì loro di aspettarli sino a notte , ma non arrivarono. E gli uomini che dibattevano questa lite (kertu) dissero al Giudice: " Signore e adesso che dobbiamo fare"? E ilo Giudice rispose loro: " Conducete qui il servo della chiesa, presti giuramento". Giunse Gosantine de Monte, che era il servo di chiesa e prestò giuramento: " Questi uomini, che Don Mariane de Maronju ha citato in Tribunale, figli di servi della famiglia di San Pietro di Silki, non sono mai stati liberati". E il Giudice rispose ancora: " Adoperateli d'ora in poi nella famiglia, tutti quelli che si erano dati per liberati dal servizio di San Pietro di Silki e non avevano portato le carte al Tribunale dove erano stati citati". Testimoni: il Giudice Gunnari de Laccon, Comita de Gunale, Petru de Laccon, Ithoccor de Laccon, Comita de Laccon, Saltaro Pinna, Petru Pinna, Dorgotori de Ponte, Gosantine de Varca (Uarca), Gunnari de Thori, Dorveni (Dorbeni) de Carula, Ithoccor de Thori, Gosantine de Thori, e quanti vi furono in Tribunale; e il Mayore de Janna (comandante della squadra di armati di vigilanza al Tribunale) Gosantine Palas, e la sua squadra (kita). E aggiunse il Giudice, in Tribanule, rivolto a quanti non avevano portato le Carte (documenti): " Se pure d'ora in poi questi porteranno le Carte, non saranno accettabili, siano esse false o siano buone"!

Elenco delle persone (uomini e donne) che si erano dichiarati liberi dal servizio: segue... vedi su >>> Petru de Mukianu...etc. etc. 

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2019 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc