Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Taras

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Dettagli

TARAS:

Taras: non sappiamo, con certezza, che cosa significhi, né da dove tragga origine la voce! Esiste comunque nelle carte antiche come toponimo e come cognome. Come toponimo lo troviamo nel vocabolario Geografico Patronimico ed Etimologico del Canonico  Giovanni Spano: Taras,  regione della Gallura, dal fenicio beth-aras  = sito, casa di pastori. Nel Di. Sto. Sa. di Francesco Cesare Casula troviamo Mala Taras o Mela Taras o Tarasi o Tarasa = nome di villaggio abbandonato, ubicato nel territorio di Santa Teresa di Gallura; in periodo medioevale fece parte del giudicato di Gallura; terminato il quale fu parte dei territori oltremarini della repubblica di Pisa. In seguito appartenne al Giudicato di Arborea. Fu inoltre sede della Curadorìa, appunto di Taras. Il suo territorio fu sottoposto a continue devastazioni a causa della lotta tra il regno di Arborea ed il Regno catalano aragonese di Sardegna. Pertanto tra gli ultimi anni del 1300 ed i primi del 1400 fu definitivamente abbandonato. Nell'opera di Giovanni Francesco Fara, "in Sardiniae Chorographiam" (226/15), troviamo citata la Curadorìa di Taras. E, sempre nell'opera del Fara "De Rebus Sardois III° (86/26) è citato il villaggio (oppidum) di Melatara.

Per tutti i linguisti sardi, a parte il canonico G. Spano,  il termine Taras risulta di etimologia oscura. Noi abbiamo riflettuto sul termine nella sua variante tarasi o tarasa, che per metatesi da tàsara, che è il nome del tasso, conosciuto come l'albero della morte. Il termine "mala tasara" potrebbe trovare giustificazione nel pericolo rappresentato dal tasso per gli abitanti del posto. Non ho prove per la mia affermazione. L'unica piccola prova di convalida è la presenza del tasso (albero della morte > taxus baccata) nella zona dove sorgeva il villaggio.

Come cognome lo troviamo Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE, del 1388: Taras (de) Guantino, ville Semestene, odierno Semestene. Curatorie de Costa de Valls (vedi app. I^15).

 Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo; troviamo: Taras Barusone (capitolo 68 - una donazione): > ego Barusone Taras ki mi afferio (mi consacro) a Sanctu Nichola de Trullas prossa anima mea, et poniobi (dono); > segue l'elenco, et terras et binias et domo; Taras Gosantine (cap. 133), cognato dei fratelli De Mela, con i quali vende una terra  in padule de Kerki (villaggio scomparso, che si trovava in territorio di Usini).

Nel Condaghe di San Michele di Salvennor, CSMS, XI°, XIII° secolo, troviamo Petru Taras, ai capitoli 332, 333, 334: > (332) Pleitehe (sono in lite con) con Gunari de Vangios por la tierra de Colovargia en Corona del Curador Donnu Ithocor de Querqui: Jusgaron provasse yo la verdat que era de San Miguel (si ricorda che il testo è in spagnolo e non esiste la copia originale in lingua sarda) y yo mostre escritura y Gane: test. D. Pedro Taras Pleban de Muros, etc. (al 333): > Yo el Abat Luteri compre (acquisto, comporu) del Gunari de Terre el pedasso de su tierra de planu que estava dentro de Mi Domestica y yo le di (gli ho dato in cambio) 6 bisantes (equivalente di sei soldi aurei) y dos oveias y ocho estareles de trigo y quatorce de sevada: testes: Dorgotori de Via, D. Pedro de Taras, etc. Anche al cap. 334 Petru (Pedro) de Taras è citato come teste.

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo, al capitolo 441 è nominato Taras Andria, armentariu de Sigillum (armentariu de sigillu = preposto all’amministrazione del patrimonio fiscale), coinvolto, come testimone in una spartizione di servi: > Ego Angnesa per issa grathia de Deum, abadissa de scu. Petru de Silchi fatho recordatione dessa muiere qui fuit de mastru Gantine d’Etim, qui fekherun servus de Ginithu de Plovake, qui morivit et confessait sa muiere donna Merella de Derisa de Plovake cam fuit maritu suo et issa muiere sua legitima. Et de custu confessait davenanti dessa donna s’abatissa et de toctu su cunbentum et dessu previteru de sca Julia et Andria Taras, etc. Al capitolo 416 è nominato Gavini Taras, armentariu de scu. Petru (amministratore della chiesa) : > Ego Gavini Taras armentariu pro scu. Petru de Silki in sa domo d’Ulumetu. Comporai pro donnicu meu a Petru de Mocor pithinnu (il giovane), fiiu de Furatu de Mocor, sa parte sua dessa corte in co vi l’aviat, termen, etc. Al capitolo 303 è presente Gunnari Taras, teste in una divisione di servi : > Coiuvait Janne Cuccu cun Justa Marke ; Janne fuit de scu. Imbiricu (San Quirico) e Justa de Paperos (i Paperos sono i donnos – nobili - cadetti, proprietari terrieri, in genere abitanti dei villaggi) : fra i testimoni c'è anche Gunnari Taras.

Attualmente il cognome Taras è presente in 69 Comuni italiani, di cui 35 in Sardegna: Sassari 89, Buddusò 72, Olbia 52, Ozieri 41, etc. Nella penisola Roma ne conta 22, etc.

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 37 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2024 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc