Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Vaccargiu

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

VACCARGIU:

è presente in 48 Comuni italiani, di cui 23 in Sardegna : Guspini 100, Terralba 44, Gonnosfanadiga 24, Cagliari 16, etc.

Significa vaccaio, guardiano delle vacche; dal latino vaccarius. Braccaju in campidanese; baccardzu in logudorese.

Troviamo il termine vacarios e le varianti nelle carte antiche della Sardegna, anche come toponimo; ad esempio nel Candaghe di San Michele di Salvennor, CSMS, XI°, XIII° secolo, al capitolo 163 è nominato il Vado de Vacargios (guado dei vaccai) ed al 167 sa Funtana de Vacargios, Nello stesso CSMS troviamo anche il cognome, pur nella variante Varcargia; al cap. 162 è nominato Gavine Varcargia (teste in un acquisto di terre): > Compre (acquisto) de Itocor Malocu su Salto de Prunas que era dessu padre y termina des de sa Argiola de Prunas a la tierra de Pedro de Nurdole, etc.Tra i testes c’è anche Gavine Varcargia. Al capitolo 135 è nominato Pedro Barcargia, fratello di Gavine (già citato) : > Compre (compro ) de Pedro Barcargia y de Gavino su ermano (il fratello) su Canaveral (Canapaia) de Vadu de Trotas y les di un torillo (gli do in cambio un vitello) en soll (del valore di un soldo). Etc.

Nella Carta De Logu il termine Vaccargios, ad indicare appunto i guardiani delle vacche, è diverse volte citato e solitamente insieme al termine vaccas.

Ma il cognome Vaccargiu potrebbe essere di recente creazione e probabilmente originario del territorio di Guspini, che annovera da solo quasi la metà dei Vaccargiu presenti in Sardegna. A prova i guspinesi, che oggi sono grandi allevatori di bestiame minuto, per lo più ovino, nonostante nel secolo scorso fossero più conosciuti come minatori, erano allora tra i più grandi allevatori in Sardegna di bestiame grosso, bovino soprattutto. Un quartiere di Guspini, Is Boinargius" conserva nel tempo, questa importante mansione dei suoi abitanti. Anche se oggi, come innanzi detto, i Guspinesi, dopo la chiusura delle miniere, prediligono l'allevamento ovino, per il quale sono i primi in Sardegna, in proporzione al numero degli abitanti del borgo, un tempo minerario.

*Curiosità: a Gonnosfanadiga abitava, in via Cagliari, nel XIX° secolo ( morì all'età di oltre 80 anni) un certo signor Francesco Vaccargiu (probabilmente di Guspini), che per la sua straordinaria somiglianza con Vittorio Emanuele II di Savoia, 1° re d'Italia (del quale tra l'altro era coetaneo), fu soprannominato su Rei Vaccargiu. Pertanto la fontana pubblica sita di fronte alla casa dove abitava (in Via Cagliari) fu chiamata "Sa Funtàna dessu Rei"; ed ancora oggi mantiene tale nome. Per la cronaca il sig. Francesco Vaccargiu era nonno di mia nonna, che ha trasmesso, anche a me, quindi, un po' del suo sangue blu!!! Ai parecchi Vaccargiu presenti in questo centro abitato, i quali vorrebbero  trarre vanto, in proposito, dal loro presunto antenato, il sottoscritto, senza volerli deludere tanto, ribatte : « Il mio trisnonno Francesco Vaccargiu, ebbe sei figli, ma tutte femmine. Tuttalpiù si può concedere ai Vaccargiu, che reclamano "diritti di nobiltà", l’appartenenza a ramo cadetto!

 

 


Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2021 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc