Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

ZZRIME del Campidano-h

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

Rime

S’homini est fattu po bivi in cumpanjìa.

Ballàda Campidanesa( AB/AB - AB/BA)

 

     In paradisu Adamu sigumenti

A solu no boliat plus abarrài

Dh’iat ascurtàu Deus Onnipotenti

E iat fattu a Eva po dhu istentài;

ma po s’agattài

in mesu ‘e sa genti

postu iant menti

de fillus generai!

     Narat su mitu ca Pirra e Deucalioni

Essant abarràus sen’’e cumpanjìa;

e Jovi iat nau:”Nàsciat una pressoni,

po onnya perda ki tirais bìa, bìa;

cument’’e frarìa

nasciant a muntoni,

bessiant a brufessoni

inoi e puru inìa.

     Sempri circa circa Socrati abarràda

S’homini a lantia, finas adenotti

Candu fintzalmenti pressoni agattàda

Po arrejonai de sa vid’ e de sa morti.

In bia o in corti

Sempri si stentàda

In sa cristionàda

De s’humana sorti.

     In una terra èrrema arribàu

spintu ‘e su mari Robinsòn ua dì

solu e tristu fiat e disisperàu

ma una cenabara propiu a Venerdì

una bella dì

iat issu agattàu

e si fiat cantàu

ke unu crocadì.

     Arrosciu dy essi a solu Deus in sùsu

E spintu de s’estrema bonidàdi

Pigau in terra iat bisura de Gesùsu

Beniu a nosu est in povertàdi;

ierru e istàdi

no si lassat prùsu,

beniu est Gesùsu

me in s’Humanidàdi.

     In bidda o in saltu, callenti o puru frìus

Siaus aintru ‘e domu o puru me in sa “ìa,

hominis e femminas, beccius e pippìus,

siaus addoloraus o puru in allirghìa

sempri in arrodìa

ke pillonis ‘e nìus,

mai seus istasìus

de stai in cumpanjìa.

Peppi

Traduzione (letterale- non in rima)in italiano.

L’uomo è fatto per vivere in compagnia.

Ballata Campidanese

In Paradiso Adamo poiché

Solo non voleva più restare,

lo ascoltò Dio Onnipotente,

e fece Eva per stargli vicino

ma per trovarsi

in mezzo alla gente

si misero in mente

di generare figli.

Narra il mito che Pirra e Deucalione

Fossero rimasti senza compagnia;

e Giove allora disse:”Nasca una persona

per ogni pietra che lanciate alle spalle;

come scintille di fuoco

spuntavano a mucchi

uscivano in moltitudine

da qui e pure da lì.

Socrate rimaneva alla ricerca

dell’uomo al lumicino, sino a tardi.

Quando infine trovava una persona,

per discutere della  vita e della morte,

nelle strade o nei cortili

sempre si attardava

in lunghe discussioni

sulla umana sorte!

In una isola deserta arrivato

spinto dal mare Robinson un dì,

si trovò solo e disperato

ma un venerdì, proprio a Venerdì

in quel bel giorno

egli trovò

e cantò

come una quaglia!

Stanco di esser solo Dio lassù,

spinto da un empito di bontà,

prese in terra le sembianze di Gesù

ed è venuto a noi in povertà;

inverno ed estate

non ci lascia più

venuto è Gesù

in mezzo all’Umanità.

In città o in campagna, sia caldo o gelo

Sia dentro casa, sia in strada

Uomini e donne, vecchi e bambini,

nella sofferenza , oppure in allegria

sempre in compagnia

come uccelli nel nido,

mai siamo stanchi

di stare tutti insieme.

Peppe

 

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2024 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc