Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

ZZRIME del Campidano-i

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

Dus seddoresus appena coyaus

> In tottu sa Sardinia is seddoresus funti connòtus po essi pappadòris de fà. Esti sa beridàdi e asuba de custu fattu, me is biddas de Pranu ndi contant de onnya arràtza! <

Dus seddoresus appena coyaus

in biaxi de nuntzias detzidint ‘e andai,

in Sicilia: a Palermu nci funt’intraus

in dh’una posàda po podi pappai.

Prenus ‘e sghintzu si setzint a mesa.

Su cambareri si parrit in pressi

disi pregontat cun gentibesa

po cos’’e pappai it’iant a gradessi.

“Narasidhu tui, sposu ‘e su coru,

ca jei dhu matzias beni su ‘talianu;

deu no conoscu sa limba insoru,

ma fetti su sardu de Campidanu”!

“Nara, pobidda, e ita pappaus,

oi k’est festa manna po nosu?

No est onnya dì ki nosi coyaus;

nci bollit tzertu cosa de gosu”!

“ La! Ingunis dho-y hat u’ sennori.

Cun dh’u’ piccioccu, parrit su fillu,

pappendi funti cun prexu e sabori

a cad’’e unu pratu de petz’’e conillu!

A mimi puru jei m’iat arrekèri,

coita ca seu a stogumu buidu,

arriscas ‘e abarrai sen’’e mulleri,

ca de su famini, mi manca su suidu”!

“ No m’arregodu, in custu momentu

a su conillu it’est ki dhi nanta,

imou dhu provu, imou mi dha tentu:

“ O camberiere, accosti qui accanta!

Coniddi ci porti, vogliamo mangiare,

due piatti belli e accuccurati

e vadi di fretta senza trigare,

chè siamo troppo molto affamati”!

Su cambareri scumparrit a lestu

e in pressi ke lampu insà torrat issu,

cun dus pratus prenus beni a podestu,

fumiosu, callentis de fà cott’ a lissu!

“ Pobiddu ‘e su coru, sposu stimau,

unu pratu de fà, ita bella cosa !

Onnya santa dì jei nd’ happu pappau

e po fintzas oi, bistida de sposa”!

In su mentris su sennori ‘essu costau,

su cambareri torrau hat a tzerriai:

“ Bis, cameriere, bis “! Dh’iat nau;

ca bolliant ancora cos’’e pappai.

Su cambareri in dh’ unu patr’’e fillu,

andat e torrat cun dus pratus fumiosus

callentis e prenus ‘e petz’’e conillu:

sighint is sennoris a pappai assuriosus.

“ Intendi’ has, su sposu, bis dh’hat nau

a sa petz’’e conillu druci e saboria,

pedi de pressi su ki hanti tzerriau,

ca de corr’’e bucca mi cala sabia”!

“Bis camberiere, bis ci porta

e facci presto o se no la mia sposa

se stenta un poco la vediamo morta,

da quanto di bis è desiderosa”!

Su cambareri currit ke su ‘entu

po accuntentai cussa jovuna sposa

e torrat in pressi in cuss’apposentu

cun dus pratus de fà bella e fumiosa..!

Peppi

Traduzione (letterale) in italiano.

Due sanluresi ( abitanti di Sanluri) appena sposati.

In tutta la Sardegna gli abitanti di Sanluri sono famosi per essere grandi mangiatori di fave. È la verità e su questo loro modo di essere, nei paesi della Piana del Campidano, ne raccontano di tutti i colori!

Due sanluresi appena sposati

In viaggio di nozze decidon d’andare,

in Sicilia, a Palermo, sono entrati

in un ristorante per poter pranzare.

Pieni d’appetito, siedon a tavola:

il cameriere appare veloce

e chiede loro con gentilezza

per mangiare che cosa gradiscano.

“Chiediglielo tu, sposo del cuore,

che sai parlar bene l’italiano,

io non conosco la lingua loro,

ma solo il sardo di Campidano”!

“ Dimmi, o moglie, che cosa mangiamo,

oggi, che per noi è una gran festa?

Non ci sposiamo poi tutti i giorni,

ci vuole certo un pranzo coi fiocchi”!

“ Guarda là, c’è un signore,

con un ragazzo, sembra suo figlio,

stanno mangiando con gioia e sapore

un piatto ciascuno di carne di coniglio!

Anche a me è venuta la voglia,

spicciati che il mio stomaco  protesta,

rischi di perdere la moglie,

ho tanta fame che mi gira la testa”!

“ Non mi ricordo in questo momento

il coniglio come è che si chiama,

adesso ci provo, ora me la tento:

O cameriere venga qua vicino!

Coniddi ci porti, vogliamo mangiare,

due grossi piatti proprio ben pieni

e vada presto senza tardare

che siamo troppo, molto affamati”!

Il cameriere corre veloce

E come un lampo poi torna in sala

Con due piatti proprio ben pieni,

caldi e  succosi di fave lesse.

“ Marito del cuore, sposo stimato,

un piatto di fave, che bella cosa,

ogni santo giorno ne ho mangiato

e persino oggi, vestita da sposa”!

Ma nel frattempo il signore vicino

Di nuovo il cameriere ha chiamato:

“ Bis cameriere, facciamo il bis”!

Che volevano ancora da mangiare.

Il cameriere in un “Padre e Figlio”

Va e ritorna con due piatti fumanti,

caldi e pieni di carne di coniglio:

continuano i due a mangiare contenti.

“Hai sentito, sposo del cuore, Bis l’ha chiamata,

la carne di coniglio dolce e saporita,

chiedi in fretta anche tu così,

già mi sento l’acquolina in bocca”!

“ Bis, cameriere, Bis ci porta,

e faccia presto o se no la mia sposa,

se tarda un po’ la vediamo morta,

da quanto di Bis è desiderosa”!

Il cameriere corre come il vento

Per accontentare la giovane sposa

E torna veloce in quella sala

Con due piatti di fave belle e fumanti..!

Peppe diritti di copyright - Giuseppe Concas

                              

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 38 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2024 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc