Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

ZZRACCONTI del Campidano-f

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

Sa Sennòra de Santu Bartzòlu

U’ contu antigu nàrat ca in sa bidda de Gonnus do-y fiat bìviat una femmina, sola, ca su babbu e sa mamma si fiant mortus candu fiat giovunèdda, lassàda dessa sorti e meda disisfortunàda. Nanta chi essat una picciòcca bella che unu frori e ca dha iat preguntàda sposa unu piccioccu bellu che unu soli. Ma issu fiat istràngiu e nemus dhu conosciat beni. Issa de cantu fiat innamoràda de-y cussu picciòccu dhi iat cuntzediu is grazias suas prima de si coyai, e in cussus tempus fiat u’ peccau mannu. Sa cosa prus mala po cussa pobura picciòcca esti ca cussu picciòccu fiat isparèssiu: de accumenti fiat beniu si nci fiat torrau andai. Parriat ca no fiat mai arribàu. Ma me is intranias  de Maria, de aici si naràt cussa picciocca, jei fiat abarrau su sinnu. Biendi ca tottu sa genti dessa bidda dha castiàt cun mabesa, issa, scedàda si fiat arretiràda a bivi attesu de tottus, in una barracchèdda accànta dessa mitza de Santu Bartzolu, in s’oru dessa cresièdda sciusciàda. De appustis noi mesis iat parturìu  una pippiedda bella  che una sitzia, cun is pius a cabori de oru e is ogus braxus cumenti de su celu de Sardinia in beranu. Cussa pobura mamma no isciat accumenti fai, nemus dha iat aggiudàda e dha iant lassàda sola, sola po dhi fai scontai su peccau chi iat fattu. E no isciat ita fai po cussa pobura creatura de pippia, chi teniat abbisòngiu de pappai, ma issa, appustis una cida, latti no ndi portàt prusu. Insandus iat detzidiu sa cosa chi mai iadài disigiàu: de donai sa pippia a una mamma dessa bidda po d’allevai e issa si nd’ iadessi andàda po sempri a un ateru logu. Nci fiat calàda assa ‘idda e iat fattu su giru de tott’is domus: “Teneimidha custa pippia, toccai, pesèdha bos aterus, deu jei mi ndi andu po sempri, e no m’heis a torrai a bì mai prusu, toccai pighèdha in bratzus e teneisìdha.  Ma nemus dha iat offia pigai, antzis nci dha bogànta a fueddus pagu aderetzàus. Pobura picciocca, mancu su vicàriu dha iat ‘offia aggiudài, ca depiat pagai su peccau chi iat fattu. Nci fiat torràda a pesai a sa barracchèdda de Santu Bratzolu e ingunis pappàda su chi agattàda me in su sattu: gicoia, ambuatza, nisporra, corr’’e campu, mattutzu e atras erbas de campu. Ma sa pippia si fiat ammaladiàda meda e issa nci fiat torràda a calai a bidda cun sa sperantza chi d’èssant aggiudàda. Nemus dh’iat ascurtàda. Disisperàda nci fiat torràda a pesai a sa barràcca de Santu Bartzolu. Sa pippia dhi fiat morta in bratzus atera dì e tottu. Insandus si fiat allacaynàda e issa puru, dessu disispéru, si fiat lassàda morri. Fetti insàras sa genti dessa bidda si ndi fiat accattàda de su mali chi iat fattu a nci bogai cussa picciòcca cun sa creaturèdda chi portàda: ma fiat troppu tradu. Ma cumenti de tottu is cosas, sa genti si ndi fiat coitàda a iscaresci de cussu fattu. Tempus e tempus appustis, candu nemus prus s’arregodàda, fiat cumentzàda a bessì sa Sennora de Santu Bratzolu.

Candu sa genti, torrendi ‘e su sattu in su mericceddu, passàda ananti dessa mitza de Santu Bratzolu, bessiat una  picciòcca, bistìda de nieddu, bella che unu frori, cun ua  pippiedda in bratzus, bella che unu soli, cun is pius a cabori ‘y oru e is ogus braxus che su célu in beranu. Sa sennòra apporrìat sa pippìa a is picciòccas bagadìas o coiàdas de pagu: “Teneimìdha in bratzus u’ pagheddu custa pippia”! Dhisi naràt. Medas piccioccas, maccai timi, timi pigànta cussa bella pippia in braztus, ateras, ma prus pagus meda, no dha bolliant pigai. No si scit de accumenti, ma su distinu bollit chi cussas piccioccas chi pigànta in bratzus sa pippia teniant fillus cantu ndi bolliant; cussas piccioccas chi no dha  piganta in bratzus abarrànta sena de fillus, maccai dhus essant disigiàus meda. No parrit berus, ma ancora oi chi passat a scuricadroxu me ananti de sa mitza de Santu Bratzolu, tenit su pentzamentu ca ingunis dho-y hat calincuna cosa de stravanàu e de msteriòsu.

No esti de med’’e meda chi a calincuna picciocca dh’est appàrria sa Sennora de Santu Bratzolu. De aici contant in bidda nosta is femmineddas beccias. Antzis una chi nd’happu connotu deu, tzia Lola si naràda, prima de si mòrri, mi iat contau propiu custu contu: “Candu fia picciocca fiaus passaus ingùnis, torrendi de su livariu de Satt’’e Serru, cun is saccus de s’olia a cuccuru y a scapparroni. Iaus scabau su biaxi po si ibasiai e po buffai acqua dessa mitza e fiat bessìda sa Sennora cun sa pippia chi  iat appòrtu a nosu femminas. Jai tottus dha iaus pigàda, e invecis sorri mia, fortzis po timorìa e maccai nosu d’essas nau de dha pigai, no dha iat pigàda. Y esti berus su chi nànta: dèu gratzias a Déus, y a Chicchinu puru, pobiddu miu, happu tentu 11 fillus bellus e bacciòccius. Sorri mia Anna invecis, maccai d’happat disigiau cun tottu su coru non dha tentu mancunu: scedàda”!

Peppi

Traduzione(alla lettera) in italiano.

La Signora di San Bartolomeo.

Un’antica storia racconta che nel paese di Gonnosfanadiga fosse vissuta una donna, sola, poiché i genitori erano morti quando lei era ancora molto giovane, abbandonata da tutti e dalla sorte. Dicono che fosse una giovane bella come un fiore e che l’avesse chiesta in sposa un giovanotto bello come un sole. Ma lui era straniero e nessuno lo conosceva bene. Lei da quanto era innamorata, gli concesse le sue grazie prima di sposarsi, e in quei tempi era un peccato molto grave. La cosa più grave per la povera malcapitata, fu che quel giovane sparì all'improvviso: come era arrivato, così era sparito! Sembrava che non fosse mai arrivato! Ma nel grembo di Maria, così si chiamava quella giovane, era rimasta traccia. Accorgendosi che tutta la gente del paese la guardava con cattiveria, lei poverina, decise di andare a vivere lontano da tutti, in una capanna, vicino alla sorgente di San Bartolomeo, nei pressi dei ruderi dell’omonima chiesa. Dopo nove mesi diede alla luce una bambina, bella come una margheritina, con i capelli del colore dell’oro e gli occhi azzurri come il cielo di Sardegna in primavera. Quella povera madre non sapeva che fare, nessuno le diede aiuto e la lasciarono sola, anche per farle pagare  la pena per il peccato di cui si era macchiata! Non sapeva che fare per quella povera creaturina, che aveva bisogno di mangiare, e lei latte, dopo una settimana, non ne aveva più. Decise quindi di far ciò che non avrebbe mai desiderato: di dare la bambina a una madre del paese per allevarla; lei sarebbe andata via per sempre. Scese nel villaggio e fece il giro delle case: “Tenete questa bimba, per carità, allevatela voialtri, io andrò via per sempre, non mi vedrete mai più, per carità, prendetela e tenetevela voi”! Nessuno gliela prese, anzi la cacciarono via a male parole! Povera ragazza, neppure il vicario volle aiutarla, poiché doveva pagare per il grave peccato commesso! Risalì alla capanna di San Bartolomeo e lì si nutriva di ciò che trovava nei campi:  cicorie, ramolacci, latticrepolo, aglio selvatico, crescione, e altre erbe selvatiche. La bimba si ammalò seriamente e lei tornò di nuovo al paese, con la speranza di un aiuto. Fu tutto inutile, nessuno le diede ascolto! In preda alla disperazione tornò alla capanna. La bimba morì tra le sue braccia il giorno dopo e pure lei, afflitta da tanto sconforto si lasciò morire! Solo allora le gente del villaggio si accorse dell’errore commesso nell’abbandonare quella povera ragazza e la sua creaturina: era ormai troppo tardi! Ma come per tutte le cose, quel fatto fu presto dimenticato.

Molto tempo dopo, quando ormai più nessuno ricordava quella vicenda, cominciò ad apparire la Signora di San Bartolomeo!

Quando la gente, rientrando dalla campagna, nel tardo pomeriggio, passava davanti alla sorgente di San Bartolomeo, appariva una donna, vestita di nero, bella come un fiore, con in braccio una bimba, bella come un sole, con i capelli del colore dell’oro e gli occhi azzurri come il cielo in primavera. La donna porgeva la bimba alle ragazze in età di matrimonio o sposate da poco: “Tenete fra le braccia, almeno per un po’, la bimba – chiedeva loro –“! Molte ragazze, anche se con un po’ d’imbarazzo, tenevano in braccio quella bella creatura; alcune, poche a dir la verità, si tiravano indietro, forse per timore! Destino vuole che, non si sa come, né perché, le ragazze che avessero preso in braccio la bambina, avrebbero avuto figli a volontà; le ragazze che non l’avessero presa in braccio, sarebbero rimaste senza figli, pur desiderandoli con tutte le forze!

Sembra incredibile, ma chi transita ancora oggi, all’imbrunire, davanti alla sorgente di San Bartolomeo, ha la sensazione che in quel posto ci sia qualcosa di straordinario e misterioso.

Non è poi trascorso tanto tempo dalle ultime apparizioni della Signora di San Bartolomeo! Così raccontano nel nostro borgo le nonnine. Proprio una nonnina, che ho avuto modo di sentire, zia Lola, si chiamava, prima che andasse a raggiungere i suoi antenati, mi raccontò questo fatto: “ Ero ancora una ragazza e passammo lì, al ritorno dall’oliveto del Salto di Serru, con i sacchi delle olive in testa o sulle spalle (a scapparron). Posammo il carico per riposare un po’ e anche per dissetarci alla sorgente e apparve la Signora con la bambina, che porse a noi ragazze. Quasi tutte la prendemmo in braccio, invece mia sorella Anna, forse per paura e nonostante i nostri incoraggiamenti non la prese. Ed è vero quello che tutti raccontano: io grazie a Dio e anche a Franceschino, mio marito, ho avuto ben 11 figli, belli e robusti. Anna, mia sorella, pur avendolo desiderato tanto, non ne ha avuto neppure uno: poverina!

Peppe

diritti di Copyright - Giuseppe Concas- nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 45 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2019 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc