Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

ZZRACCONTI del Campidano/g

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

Persefone Dea dell’Ade e sposa di Plutone,

figlia di Demetra (dea della Terra e delle messi) e del Sole.

Bivìat Demetra, regina dessa terra, de is pasturas, de is sattus, de is ortus, de is binjas e de is campus de lori, in su pranu d-y Eleusi, in cumpanjia dessa filla Presèfoni, de is Ninfas dessa sirba e de is tantis bestieddas chi do-y fiant sempri in giru in giru. E sa filla, una picciocca  bella che su caragantzu in beranu, giogàda in prexu e cuntentesa cun is Ninfas e cun tottu cussas bestieddas. E si faiat bellas arracàdas de tottus cussus lollois de su pranu e giogàda a strumpas e a currèra cun is Ninfas, e arrumbulàt, pistincàt e sartàt prexàda che unu puxi. Sa mamma sua Demetra fiat meda trankilla e dha castiàda cuntenta che una Pasca. E po su prexu sùu sa terra donàt erbas e froris de centu e milla coloris e bellus fruttus de onnya arratza. Su Soli, ca fiat su babbu de cussa picciocca, de is arturas dessu celu scraràt tottu su logu e callentàt cun is rayus sùus cussas cosas bellas. Una mala dì perou Prutoni, su mèri de su rennu de is mortus, fadendisì u’ giru me in sa terra, cun su carru dessa morti, nieddu, nieddu, tirau de tres cuaddus nieddus, nieddus, iat appubàu cussa bella picciocca e si ndi fiat innamorau perdiu e su disiju dhi iat postu scinitzu mannu e puru sciendi ca issa e nimancu sa mamma sua bolliant, ndi dha iat furàda e portàda a su rennu sùu, in su sperevundu de is intrànyas dessa terra. Sa mamma sua Demetra, no agatendi prus sa filla sua stimàda, dha  circàda in donnya logu, in donnya sperrima, in donnya furrungoni, ma no dh’agatàda e insandus iat cumentzau a si disisperai e a prangi po sa tristura manna. Tottu sa terra si fiat allacaynàda: is sattus, is pranus, is ortus iant cumentzau a s’intristai, biendi su dabori de sa mèri insoru; su bentu, sa pruina, su landireddu e sa cibixìa iant accabau de pistonjai su logu. Trista e miserina sa genti, chi, in dh’unu simbili avolotu si ndi fiat iscarescia po fintzas de fai sagrifitzius a is deus e a Jovi su soberanu insoru. Jovi iat insaras mandau a Ermes a ndi scì. S’uscèri de su Limpu nci fiat callau in sa terra e, preguntendi inoi e ingudeni, iat scipiu sa cosa e, torrau a pesai a su Limpu, dha iat contàda a Jovi. Abburrutzonau che unu crabu insuàu nci fiat calau a su rennu de Prutoni, su fradi mannu sùu, e ndi di iat nau de donnya cabori, poita iat fattu una cosa sentza de su permissu sùu, e iat ingenerau u’ trumbullu mannu, mannu. “Ses sempri su solitu prepotenti – dhi iat torrau Prutoni - no tenis arrespettu mancu po su fradi mannu tùu, casi ca su rei ses tui, maccai siasta su piticheddu de famiglia”! “Ma no dhu bis, o Prutoni – dhi iat arrespostu Jovi - tottu su trumbullu chi has ingenerau”? “ De aici fueddas tui, o Jovi, poita ca jei dha tenis a mulleri tua Giunoni, bella e grassa, chi ti fait cumpanjìa e callenti a tott’annu, adedì y adenotti. Deu invecis seu inoi assou che una pedra, in mesu de custu tallu mannu de genti sen’’e puba, chi si fuit pena chi mi biri,  tristu e allacaynau che Santu Lazzaru,  cun su disiju de agatai u’ paghedd’’e cumpanjia, e imou ca d’happ’agatàda e issa puru est prexàda, tui mi ndi dha ‘ollis liai”! “Jei tenis arrejoni, fradi miu – iat torrau su mèri mannu de su Limpu – ma pentza a cussa pobura creatura dessa mamma, chi non ndi ‘ollit mundu, trista e miserina, y est mesis e mesis prangendi a curruxu e a sunguttus mannus, chi s’intendint dessu pranu de Eleusi fintzas assu cuccuru de su Limpu e fintzas is deas e is deus portant is origas intronadas de cussus schillittus. Pentza ca sa tristura de-y cussa femmina s’esti ispaniàda in tottu sa terra e tottu su sattu s’est siccau e scidrau e sa genti de su mundu esti disiperàda e morrendi de famini e de frius”! “Fai tui, o Jovi, tui ses su mèri, tui ses connotu cumenti de su jugi prus sentzeru e justu de su mundu, deu jei t’happ’a poni menti, ma arregodadì ca seu su prus tristu , su prus assou, su prus malassortau, de tottus is deus, in custu fundabi de is intranyas de sa terra”! “ Jei ti cumprendu fradi miu e imou deu ti nau de fai una cosa: si dha pratzeis in dùus, custa bella picciocca, Presefoni, chi stimat meda sa mamma sua, ma oramai stimat a tui puru cument’’e sposu”! “ E de accumenti dha pratzeus, a goteddu o a segùri”? “Sesi scadrallùtu puru, fradi miu, no ti ia mai connotu de aici brullanu. Bollia nai ca issa  passat, de imoi inantis, ses lunas de s’annu cun tui e is atras ses lunas cun sa mamma sua, de aici accuntentat a tott’a is dùus”. “ Ah! S’unconi pratzìu s’anjulu si dho-y seidit, tui perou jei abarras a tott’annu cun mulleri tua, beru”? “Ascurta o Prutoni, de prus no potzu fai, pentza fetti ca tui ndi dh’has furàda a sa mamma sua, sena de nisciunu permissu e sena de arrespettu”! “ E bandat beni, – iat accabau su mèri de su rennu de is mortus - cumenti su mèri mannu cumandat”!

E de insaras Presefoni, sa filla de Demetra, sa dea de sa terra, de su sattu, de is mattas e de su lori, abarrat ses lunas cun sa mamma sua in su pranu de Eleusi e is atras  ses lunas de s’annu cun su sposu. Candu in “Beranu” torrat a sa mamma sua, po ispantu mannu, is terras, is pranus, is cuccurus, si prenint de erbas, de froris e de fruttus de centu e de milla coloris, e su Soli, de Beranu a Istadi, prexau issu puru po sa torràda de sa filla, cun is rayus cosa sua torrat a callentai sa terra e a fai bellu, bellu su lori. Candu invecis cussa bella picciocca tòrrat a su sposu sùu, me in su sperefundu de is intranyas de sa terra, su prantu e su disisperu de sa mamma sua, allacàynat fintzas is rayus de su babbu, e arribat s’Atonju, bentosu e pruinosu e appustis s’Ierru, fridu e niosu.

Peppi

Traduzione letterale in lingua italiana

Persefone dea dell’Ade e sposa di Plutone, figlia di Demetra, dea della Terra e delle messi, e del Sole.

Viveva Demetra, regina della Terra, dei pascoli, dei salti, degli orti, delle vigne e dei campi seminati, nella piana di Eleusi, in compagnia della figlia Persefone, delle Ninfe dei boschi e dei tanti animaletti che vi erano intorno. La figlia, una ragazza bella come le margherite in primavera, giocava gioiosa e felice con le Ninfe e con tutti gli animaletti. Si costruiva collane dei fiori dei campi e si divertiva abbracciandosi e giocando con le Ninfe e s’arrotolava, correva, saltellava allegra come una pulce. La mamma Demetra era tranquilla e la guardava contenta come una Pasqua. Per la sua immensa felicità la Terra dava erbe e fiori di cento e mille colori e frutti di ogni tipo. Il Sole, il padre di quella ragazza, dall’alto del cielo rischiarava coi suoi raggi tutte quelle cose belle. Un brutto giorno però Plutone, il padrone del regno dei morti, andando in giro per la Terra, col carro della morte, nero, nero, trainato da tre cavalli neri, neri, scorse quella bella ragazza  se ne innamorò perdutamente. Il desiderio di averla fu immenso e pur sapendo che né lei, né la mamma erano d’accordo, la rubò e la portò nel suo regno, nella profondità delle viscere della Terra. La madre Demetra non trovando più la figlia sua adorata, cominciò a cercarla in ogni dove, in ogni dirupo, in ogni angolo nascosto, ma non la trovò e cominciò a darsi tormento e a piangere per l’immensa tristezza! Tutta la Terra andò in malora: le balze, i campi, gli orti cominciarono a rovinarsi per il dolore della loro signora; il vento, la pioggia, le tempeste, la grandine, le gelate portarono tutto alla catastrofe. Tristezza e miseria fu per la gente, che per un simile cataclisma dimenticò persino di fare sacrifici agli dei e a Giove il loro re. Giove mandò sulla terra Mercurio per conoscerne le cause. Il messaggero degli dei scese sulla Terra e chiedendo qua e là ne capì il motivo e, risalito all’Olimpo, raccontò il fatto a Giove. In preda all'ira, infuocato come un ariete, scese nel regno di Plutone, suo fratello maggiore, e gliene disse di tutti i colori, poiché aveva osato prendere delle decisioni senza il suo permesso e aveva scatenato un immenso putiferio! “Sei sempre il solito prepotente – gli rispose Plutone – non hai rispetto neanche per il tuo fratello maggiore, approfitti del fatto che il re sei tu, anche se sei il piccolo di famiglia”! “Ma non vedi o Plutone – gli rispose Giove – tutto lo scompiglio che hai creato”? ”Così parli tu o Giove, perché tu la moglie ce l’hai, Giunone, e bella e grassa, che ti fa compagnia e caldo per tutto l’anno, di giorno e di notte. Io invece sono qui solo come una pietra, in mezzo a questa folla immensa di gente senza volto, che scappa appena vede me, triste e sfortunato come San Lazzaro, tormentato dal desiderio di un po’ di compagnia e, adesso che l’ho trovata e anche lei è contenta, tu me la vuoi togliere”! “ Hai ragione fratello mio – aggiunse il re dell’Olimpo – ma pensa a quella povera mamma, in preda alla disperazione, che piange convulsamente, tanto che i suoi laceranti gemiti si sentono dalla piana di Eleusi sino alla vetta dell’Olimpo e persino le dee e gli dei sono frastornati dai quei penetranti singulti. Pensa che la immensa tristezza di quella donna si è diffusa  in tutta la Terra e  i campi sono aridi e ghiacciati e la gente del Mondo è disperata e muore di fame  e di freddo”! “ Fai tu o Giove – aggiunse di nuovo Plutone – tu sei conosciuto come il giudice più giusto e saggio del Mondo intero, io mi adeguerò al tuo giudizio, ma ricorda che io sono il più triste, il più infelice di tutti gli dei, relegato in questo infimo budello della Terra”! “ Ti capisco, fratello mio – aggiunse Giove – io adesso ti propongo una cosa: la dividete in due, questa bella ragazza, Persefone, che vuole tanto bene alla madre, ma che ora vuole bene anche a te come sposo”! “ E come la dividiamo – proseguì Plutone – col coltello o con la scure”? “ Sei pure spiritoso, fratello mio – continuò Giove – non conoscevo questo lato del tuo carattere; volevo intendere che lei trascorrerà, d’ora in poi, sei mesi dell’anno con te e gli altri sei mesi con la madre, così accontenta tutti e due”! “Ah, il cibo diviso, è sempre benedetto – seguitò Plutone –, tu però rimani per tutto l’anno con tua moglie”! “Senti o Plutone – concluse il re degli dei – di più non posso fare; pensa che tu l’hai rapita a sua madre, senza permesso e senza rispetto alcuno”! “ E va bene – concluse il re del regno dei morti – sia fatta la volontà del grande padrone”!

E così, da quel momento, Persefone, figlia di Demetra, dea della Terra, dei salti, degli alberi e dei campi seminati, rimane sei mesi dell’anno con la mamma, nella piana di Eleusi e gli altri sei mesi con lo sposo. Quando a Primavera torna da sua madre, per incredibile prodigio, le terre, le pianure, le colline, si riempiono di erbe, di fiori, e di frutti di cento e di mille colori, e il Sole, per tutta la primavera e l’estate, pure lui contento per il ritorno della figlia, con i suoi raggi riscalda la Terra e matura le messi. Quando invece quella bella ragazza torna dallo sposo, nell’estremo del budello della Terra, il pianto e la disperazione della mamma, affievoliscono persino i raggi luminosi del padre, e arriva l’autunno ventoso e piovoso e poi l’inverno, freddo e nevoso.

Peppe

diritti di Copiright - Giuseppe Concas - nominis.net

diritti di Copyright-Giuseppe Concas-nominis.net

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 125 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2019 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc