Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

Casu

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

CASU:

su casu = cacio, formaggio. Dal latino caseus. Su casu de craba; su casu de brebei; su casu de bacca = il formaggio di capra, di pecora, di vacca. Su cabacasu è la farfallina notturna. La forma di formaggio è detta: una piscèdda o piskèdda de casu.

Il pasto tipico proverbiale dei sardi: pani e casu e binu a rasu = pane e formaggio e vino a bicchieri ben pieni. In erboristeria: su casu cottu è l'orchis > orchidea selvatica; è detta così anche la fumaria officinalis  > erba acetina. Su trattacasu è la grattugia per il formaggio. Su casu de Santu Franciscu sono le bacche della malva (narbèdda).

Come cognome è presente nelle carte antiche della lingua sarda. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, abbiamo: Casu Comita, ville Gurrutta (  Gurrutta.odierno Brutta - Contrate de Ardar et Meylogu – (vedi app. I^17); Casu Georgio, ville Cerchillo ( Cerchillo... attuale Berchidda. Curatorie de Costa de Valls – (vedi app. I^15); Casu Guantino, major ville de Biti (attuale Bitti); Casu Joanne - de Castri Januensis – (vedi app. I^3 - Castelsardo); Casu Mariano, jurato ville Petra Veurra ( Petra Veurra, villaggio distrutto. Campitani Majoris – vedi app. I^21); Casu Mario - ville de Dosille, Osìdda (Contrate Montis Acuti – Ozieri – vedi app. I^4); Casu Nicolao, ville Selluri – (vedi app. I^29; Sanluri - Seddori); Casu Petro, jurato ville Bonorbe, odierno Bonorva. Curatorie de Costa de Valls – (vedi app. I^15) (Bonorva); Casu Petro, ville Lunamadrona (Lunamatrona - Contrate Marmille – vedi app. I^22).

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo abbiamo: Casu Ithoccor (cap. 18), testis parthizione de servis (teste in una partizione di servi): parthiuimus a Merkisa cun sos Casus et cun donna Iusta de Cleu et cun Dorgotori Pinna et intrait a Sancta Julia su latus et ad Sanctu Petru su pede et comporai a Juanne de Rosa et assos Casus et a donna Justa de Cleu et assu frate, sas iij dies ki minde essiat. ( abbiamo diviso  il servizio di Merchisa con i Casu e con donna Justa e con Dorgotori Pinna e toccò a Santa Giulia la metà (del servizio) e a San Pietro un quarto; ho comprato Juanne de Rosa dai Casu e da donna Cleu e dal fratello, per le tre giornate che mi mancavano); al cap. 287 (sempre del CSPS), troviamo Casu Barusone, previteru (prete), teste in una donazione (postura) a San Pietro: > posit (ha donato) donna Bera d’Athen, muiere ki fuit de donnu Petru Seche Barbate, a scu. Petru, pross’anima sua, etc. al cap. 355, troviamo Casu Dorgotori, teste in uno scambio (tramutu) di terre; al cap. 395, è nominato Casu Ithoccor, su de Thathari (quel di Sassari), come teste in una spatizione di servi, tra il convento di San Pietro  e privati; al cap. 426, troviamo donnu Casu Graneri, nominato in una donazione al convento di scu. Petru, da parte di donnu Petru de Serra.

Nel testo del Fara de Rebus Sardois IV (106/18), figurano: (1) Casu Antonius, firmatario, per conto di re Giovanni d'Aragona, del trattato di pace con Eleonora d'Arborea (LPDE del 1388); il trattato fu firmato il 5 febbraio del 1388 – ( app. I^32 - Castri Callari), e sottoscritto quindi dai seguenti delegati: Ximen Perez de Arenòs in nome di Giovanni, re di Aragona e di Sardegna, Comita Pancia di Arborea, Tommaso Serra di Arborea e Antonio Casu di Sassari. > Ximen Peres de Arenoso pro Ioanne Aragoniae et Sardiniae rege, Comita Pancia arborensis, Thomas Serra arborensis et Antonius Casu sassarensis.). (2) Casus Ioannes( 196/4): Anno 1463, 7 Kal. Novembris, ad Synodum provincialem Turritanam vocati, convenerunt (alla data del 26 ottobre 1463, fu convocato il (o la) sinodo provinciale turritano, al quale parteciparono.): Antonius Cano archiepiscopus turritanus; Sisinnius episcopus bisarchensis; Nicolaus episcopus ampuriensis; Iacobus episcopus sorrensis; Petrucius abbas S.ti Michaeli de Plano; Ioannes Magnus archipresbyter sassarensis; Guantinus de Luna canonicus et vicarius turritanus; Pantaleus de Serra canonicus turritanus; Elias Masala canonicus turritanus; Gonnarius Pilus canonicus turritanus; Franciscus Cano rector de Sennoris procurator episcopi plovacensis; Ioannes Casus canonicus e procurator episcopi castrensis; etc. (3) Casus Matthaeus (28/12): ambasciatore sassarese, che insieme ad altri nobili sardi, tra cui anche il giudice Ugone II° d'Arborea, giurarono fedeltà al principe Alfonso d'Aragona, che si accingeva alla conquista della Sardegna, con una potente flotta, e un forte schieramento di terra. Siamo nell'anno 1323. Dopo circa un anno di guerra, fatta soprattutto di assedi di roccaforti ( Villa di Chiesa > Iglesias (vedi app. I^28) , resistette eroicamente per ben sette mesi e otto giorni), in data 19 giugno 1324, si arrese anche Castel di Cagliari e nella Cattedrale di Bonaria fu riconosciuta una nuova entità statuale: nacque di diritto e di fatto il Regno di Sardegna, detto all'inizio Regno di Sardegna e Corsica. Questi fatti storici riportati nel testo del Fara, si ritrovano, perfettamente rielaborati, nel Di. Sto. Sa. di F. C. Casula.

Attualmente il cognome Casu è presente in 445 Comuni italiani, di cui 178/377 in Sardegna: Sassari 798, Cagliari 246, Oristano 194, etc.

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

 

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2019 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc