Menu Principale  

   

Pubblicità  

   

De Muro; Demuro; De Muru; Demuru

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

DE MURO; DEMURO; DE MURU; DEMURU:

(di Ettore Rossoni):  "De Muro, ha un ceppo cagliaritano ed uno napoletano; Demuro è tipicamente sardo, diffuso in tutta l'isola, in particolare nella parte settentrionale; anche De Muru è tipicamente sardo; Demuru è dovuto probabilmente ad un errore di trascrizione del precedente, potrebbero derivare da soprannomi originati dal vocabolo sardo muru (asino, ma anche muro, parete), è pure possibile una derivazione dal toponimo Muros (SS).

DE MURO; DEMURO; DE MURU; DEMURU: de muru = dal o del o di muro; in latino murus. Murai/re = murare, fare i muri. Murayolu (log. antico)= muratore; oggi méstu o maìstu o maìstru de muru = maestro di muro. Muru a bullu = muro (di pietre) senza malta.

Muro, muros, muru, murus, murèra, sono toponimi comuni, diffusi in tutta la Sardegna. Muros è il nome di un centro abitato: in periodo medioevale appartenne alla Curadorìa di Figulina, nel regno giudicale di Torres. Fu possedimento privato dei Malaspina. Dal 1365 al 1388 appartenne al regno giudicale di Arborea. Dopo alterne vicende, dal 1410 in poi andò a far parte del Regno catalano aragonese di Sardegna. Nel 1928 il paese fu aggregato al Comune di Cargeghe. Nel 1950 tornò autonomo. Oggi è un paese di 754 abitanti della provincia di Sassari. Muro è inoltre il nome di un centro abitato scomparso; ubicato in agro di Galtellì, in periodo medioevale fece parte della Curadorìa di Orosei - Galtellì, nel regno giudicale di Gallura. Fu abbandonato verso le fine del XIV° secolo. (Per i più curiosi): confronta inoltre con il cognome Brianda e fai una riflessione, puramente empirica, sul cognome pagnolo De Mur !

Come cognomi, li ritroviamo nei documenti antichi della lingua e della storia della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388 troviamo: De Muru Bernardo, jurato ville Culleri, attuale Cuglieri) CASTRI MONTIS DE VERRO – (vedi app. I^9); De Muru Florencio, jurato ville Culleri; De Muru Joanne - de Bosa – (vedi app. I^2); De Muru Juliano, jurato ville Sia Sancti Nicolai, odierno Sia Piccina o Piccìa - Contrate Campitani Simagis – vedi app. I^24); De Muru Petro, jurato ville Macumerii, MACUMERII et Curatorie de Marghine de Gociano (vedi app. I^8); De Muru Petro, majore ville Bortigale, odierno Bortigali. Curatorie de Marghine de Gociano); De Muru Stefano, jurato ville Culleri;  Demuru Joanne, ville de Guspini, Guspini. Contrate Montis Regalis – (vedi app. I^6); De Muru Leonardo, ville Zaramonte, odierno Chiaramonte. Contrate de Anglona - Chiaramonte) – (vedi app. I^13); Demuru Leorio, majore ville Usthei, villaggio distrutto della Diocesi di S. Giusta. Contrate Partis de Guilcier) – (vedi app. I^16); De Muru Nicolao, jurato ville Nulvi, odierno Nulvi. Contrate de Anglona- Chiaramonte); Muru(de) Georgio, jurato ville Spina Alba, distrutto. Contrate Partis Milis – (vedi app. I^18; Muru (de) Guantino, ville Modolo, Modulo. Contrate Castri Serravallis-  (vedi app. I^7); Muru (de) Martino, ville Laconi, et Contrate Partis Alença – (vedi app. 14); Muro (de) Joanne, ville Montis leonis, odierno Monteleone Roccadoria. Caputabas – (vedi app. I^20). Nel C. D. S. sempre del Tola, vol. II, relativamente all’anno 1410, tra i 557 homines di Oristano, che giurarono fedeltà al re aragonese, in nome di Leonardo Cubello, ci sono: De Muro Guantino, De Muro Iohanne, De Muro Iorgius, De Muro Sisto, De Muro Stephanus ( ved iapp. III^ Anno 1410 31 marzo).

Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo, troviamo: sos de Muru (cap. 108), proprietari di terre in Arcennor ( o Arcennor: centro abitato oggi scomparso. Appartenne alla Curadorìa di Costavalle, nel regno giudicale di Torres. Era sito in territorio di Semestene. Il nome rimane oggi in un piccolo corso d'acqua, Riu Alchennero); De Muru Dorgotori  (cap. 210) - (fratello di Petru, e di Yçoccor, coi quali vende servi (il loro servizio) in Consedin ( l'attuale Cossoine - Caputabas).

Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo, troviamo: De Muru Arzocco, diacono (capp. 167, 202, 205), teste in partizioni di servi; De Muru Cerkis (cap.  81) (teste in una compera di servi): > comporeilli assu conte (de Sollie - Solii, abitato scomparso, appartenente, in periodo medioevale, alla Curadorìa o parte Campidano di Milis, nel regno giudicale di Arborea. Il paese fu abbandonato, presumibilmente, verso la fine del XIV° secolo). De Muru Goantine (cap. 214), prete di Senuski ( Senuski - o anche Sa Nuschi - abitato scomparso. Era sito in agro di Nuràchi. In periodo medioevale appartenne alla Curadorìa o Parte di Campidano di Cabras, nel regno giudicale di Arborea. Nel 1410, in seguito alla sconfitta delle truppe arborensi, passò al regno catalano - aragonese di Sardegna. Fu abbandonato all'inizio del XVII° secolo, molto probabilmente a causa delle continue incursioni barbaresche); De Muro Gunnari (cap. 173), testimone in una lite (kertu) per la partizione della servitù; De Muru Izoccor, scrivano (cap. 8)- testes (in una donazione a Santa Maria da parte di donnu Guantine Murtinu): > Deus et Sancta Maria et Izoccor De Muru ke iscripsit custa carta et donnu Mariane de Zepera, donnu Comita de Loy, donnu Gosantine de Thori, majstru Bigenzu etc.; De Muru Troodori (cap. 169), testimone in una lite per la concessione di donna Bera d'Uda, della sua parte (parzone) a Santa Maria; De Muru Troodori o Torkitorio (diverso dal precedente - capp. 24, 33, 205), arcivescovo di Arborea ( dal 1224 al 1253), per nomina di papa Onorio II° ( vedi Di.Sto.Sa di F. C. Casula); al cap. 205 del CSMB è parte in uno scambio di servitù: > In nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti amen; ego Arrigu priore di Sancta Maria de Bonarcadu, partivi serbos Ho diviso la servitù) cun Troodori de Muru arkiepiscopu de Sancta Maria d'Aristanis.

Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo, al cap. 367 troviamo Comita de Muru, maiore de janna (a capo di una « kita » squadra di armati a guardia del villaggio), coinvolto come teste in una concessione di terre (manca la parte iniziale): > -rubu regina et dessu filiu donnu Gosantine rege, bulatitiminde carta, pro appatinde prode scu. Petru, a secatura de rennu dessu saltu de Ruginas, in ko narat sos termenes aue susu, usque in perpetuum: testes Comita de Muru maiore de kita et kita sua. Al cap. 421 è nominato Petru de Muru, priore del monastero di San Pietro: > Ego Petru de Muru, priore de scu. Petru de Silchi, qui ponio in ecustu condake ka kertait mecu Prenake, su nepote de donna Justa de Cleu, sendeke apatissa Tedora in Nascar, in Corona de donnu Comita Porcu in Bosove, etc.  

Attualmente il cognome De Muro è presente in 104 Comuni italiani, di cui 17 in Sardegna: Cagliari 43, Quartu 9, Tempio 6, etc. Nella penisola, Roma ne conta 50, Napoli 43, Genova 9, etc. Demuro è presente in 138 Comuni italiani, di cui 65 in Sardegna: Tempio 112, Cagliari 92, Sassari 89, etc. De Muru è presente in 15 Comuni italiani, di cui 2 in Sardegna: Oschiri 3, Las Plassas 2. Demuru è presente in 117 Comuni italiani, di cui 71 in Sardegna: Meana Sardo 126, Berchidda 65, Cagliari 43, Sassari 41, etc.

 

 

Diritti Di Copyright : Giuseppe Concas

© : http://www.nominis.net

 

   

Cerca  

   

Visitatori Online  

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

   
Copyright © 2022 Nominis.net. Tutti i diritti riservati.
Gestione e Manutenzione REMOTE_PC Contatto : email
© remotepc